Articoli marcati con tag ‘Zeland’

Il fruscio delle stelle del mattino

stars

Questo articolo trae spunto dal best seller di Vadim Zeland: Il fruscio delle stelle del mattino, per l’appunto, il secondo volume della trilogia “Reality Transurfing“.

Sin da subito ho trovato il titolo del libro molto suggestivo e poetico, sebbene la mente razionale non riusciva a coglierne il senso.

Ma come si fa a mettersi in ascolto del fruscio delle stelle del mattino?

Le stelle mica hanno un suono-  diceva la mente – e, ammesso che lo emettano, noi siamo troppo distanti per riuscire a coglierlo.

Ed infine - borbottava la mente- se non riusciamo a sentire il suono delle stelle..come potremmo poi accorgerci del loro fruscio?.

Ovviamente “il fruscio delle stelle del mattino” è una metafora e sta indicare il segnale che emette la nostra anima quando vuole seguire la sua strada.

Affinare la capacità di ascolto de “il fruscio delle stelle del mattino” significa quindi – a detta di Vadim Zeland- prestare attenzione a quanto farebbe gioire, come ad una festa, la nostra anima.

Secondo Zeland, l’anima sa precisamente cosa vuole e cosa non vuole, cosa è in linea con il proprio cammino evolutivo e cosa non lo è, viceversa quello che non sa fare è comunicare con il linguaggio della mente razionale.

Come fare allora per decifrare i suoi desideri?

Essere vigili, presenti, lucidi. Evitare l’effetto zombizzante del tran tran quotidiano, in un’unica parola: vivere con consapevolezza.

Chi non è avezzo a vivere nel qui ed ora, potrebbe cominciare a sperimentare questo stato dell’essere, ponendosi durante il giorno, di tanto in tanto le seguenti domande: Dove sono in questo momento? cosa c’è intorno a me? a cosa sto pensando? che emozioni sto provando in questo momento?.

E’ un esercizio semplice che aiuta a prendere familiarità con il presente e riduce notevolmente l’effetto ipnotico e ammaliante della vita postmoderna (si pensi al solo intorpidimento dovuto al massiccio consumo di tv e videogiochi).

Crescere in consapevolezza comporta molti vantaggi tra cui una maggiore concentrazione, una maggiore efficienza e produttività e una riduzione degli stati emotivi negativi.

Dice Vadim Zeland a proposito: “Tanto più profondamente dormiamo da svegli, tanti più errori commettiamo“.

(…)

Abbiate cura di voi stessi con sollecitudine, rivolgetevi a voi stessi con partecipazione e attenzione. Allora la vostra anima si riscalderà e potrà dispiegare le sue ali“.

Dinanzi ad una grossa decisione o di piccolo rilievo, cerca di fare silenzio interiore recuperando la connessione con il momento presente e chiediti semplicemente “Anima, cosa desideri?

Anche se non ce l’hanno mai insegnato, la vita è una festa, è un banchetto, una dimensione in cui sperimentare creativamente le molteplici sfaccettature del nostro essere.

Permettiti quindi di essere ciò che vuoi, ciò che fa vibrare la tua anima all’unisono con l’Universo, sii audacemente te stesso,  e se non sai semplicemente cosa vuoi dalla vita rispondi solo alla seguente domanda: “Cosa trasformerà la mia vita in una festa?“.

Ognuno conserva in tasca la chiave per la felicità, alcuni non sanno di possederla, altri ancora sbagliano porta, altri non sanno che bisogna appena girarla nel chiavistello.

Acquisire un udito capace di ascolare il fruscio delle stelle del mattino ci mette tutti nella condizione di trovare la  porta d’accesso per realizzare la nostra vocazione e le aspirazioni più profonde.

Con amore.

Simona

Come cavalcare l’onda della fortuna

surfing fortune

Mi piace l’idea di scrivere questo post di lunedì, giorno in cui comunemente si torna a lavoro dopo un weekend di festa e/o di relax.

L’idea di come prolungare il clima di spensieratezza di un felice fine settimana, me l’ha suggerita il famoso libro di Vadim Zeland, “Reality Transurfing. Come Scivolare attraverso la realtà. Lo spazio delle varianti” (un libro complesso e ricco di spunti interessanti, best seller in Russia che spiega come surfiamo letteralmente tra diverse realtà possibili e percorsi di esistenza contigui).

Nel libro l’autore postula l’esistenza di vere e proprie onde della fortuna ovvero una congiunzione favore di circostanze che, a cascata, ne procura altre ed altre ancora (se riusciamo a cavalcarle senza farcele sfuggire).

Ebbene come fare per restare aggrappati a tale periodo d’oro?

Riporto la risposta di Zeland:

Bisognerebbe alimentare sempre dentro di se’ il focherello della festa, cullare questa bella sensazione, osservare come la vita cambia per il meglio, afferrarsi ad ogni pagliuzza di gioia, cercare in tutto segni positivi.

(…)

Gioite di tutto quello che avete in questo momento. Non si tratta di un vuoto appello a essere felici a priori. A volte le circostanze si sviluppano in modo tale che è difficile essere contenti.

Tuttavia, da un punto di vista puramente pratico esprimere insoddisfazione è controproducente. Infatti, non volete forse capitare sulle linee dela vita dove vi va tutto bene? Ma come potete capitarci se la vostra emissione è piena di insoddisfazione? Al contrario, la frequenza di una simile emissione corrisponde pienamente a quelle linee dove tutto va male.”

E allora come riconoscere le linee buone?

Le linee si differenziano per il fatto che in esse vi sentite bene e i vostri pensieri sono pieni di gioia e di soddisfazione.

(…)

Occorre notare ogni cambiamento positivo anche se minimo e vezzeggiarlo amorevolmente, premurosamente. Esso infatti è messaggero dell’onda della fortuna.

Non appena avete avuto notizia di cambiamenti promettenti, seppur minimi, non dimenticatevele come facevate prima, ma al contrario assaporatevele, analizzatele, indagatele; esaminate queste novità da tutti i punti di vista, gioitene, fate piani futuri, mettetevi in attesa di ulteriori miglioramenti.

Così facendo pensate alla frequenza dell’onda della fortuna e vi sintonizzate sui suoi parametri. Le buone notizie diventeranno sempre di più. La vita diventerà più bella.

(…)

Gioite a bella posta degli insuccessi, provate a cercare in essi un vantaggio, anche se minimo, vedrete che è sempre possibile.

(…)

In questo modo l’uccello della fortuna resterà nelle vostre mani e per accattivarvelo non avrete che da trasmettere intorno a voi energia positiva.

Ciò significa essere non solo un ricevitore positivo, ma anche un positivo trasmettitore.

Ne seguirà che il mondo intorno a voi cambierà in meglio.

Vi troverete a scivolare in leggerezza su delle linee della vita ancor più favorevoli finchè incontrerete l’onda della fortuna che vi prenderà con sé e vi farà velocemente ascendere sulla sua cresta, dritti al successo”.

Buona fortuna a tutti!

Una cornucopia di cose belle!

Simona

:-)

Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI