Articoli marcati con tag ‘miglioramento’

La storia di Manuel e di come ha cambiato la sua vita con la tecnica EFT

manuel-dalla-pozza

Oggi, pubblico una storia scritta con grande autenticità dal protagonista di questo racconto: Manuel Dalla Pozza.

Manuel è un giovane come tanti che, ad un bivio della sua vita si è lasciato alle spalle la paura grazie alla tecnica EFT, un metodo alla portata di tutti che libera i blocchi energetici e conseguentemente dipendenze e timori.

Su questo blog, mi piace accogliere le testimonianze di coloro che hanno rinnovato in meglio la propria vita attraverso personali percorsi di crescita.

Manuel Dalla Pozza è uno di questi. Dopo consulti psicologici ed un mare di terapie alternative ha trovato la sua strada nell’EFT ed ora insegna questa tecnica agli altri.

Mi piace pubblicare storie di chi sulla propria pelle ha testato l’efficacia di una tecnica di miglioramento personale.

L’EFT in particolare è una tecnica accreditata e che anche io ho provato con relativo successo.

Ma ora lascio che siano le sue parole a mostrarti come il peggiore dei momenti della vita può rivelarsi una svolta importante verso il miglioramento.

(Grazie Manuel)

:-)

___________________________________________________________________________________________

Ciao, mi chiamo Manuel Dalla Pozza e più di 4 anni fa ho conosciuto Eft che mi ha cambiato la vita.

Eft sta per Emotional Freedom Tecniques ovvero tecniche di libertà emozionale.

Eft è la tecnica che mi ha permesso di entrare nel mondo della Crescita Personale e, di conseguenza, migliorare la mia esistenza!

Prima di Eft vivevo LA MIA NON VITA, uscivo poco, avevo pochi amici, ero chiuso in me stesso e senza buone prospettive…

Insomma mi trovavo FINO AL PUNTO PIU’ BASSO DELLA MIA ESISTENZA

Ricordo che frequentavo il mio primo anno di università, a Venezia.

Concluse le superiori, (ricordo quegli anni come molto brutti dal punto di vista sociale) arrivai in quest’ambiente per me nuovo e distante da casa (a quel tempo mi sembrava di essere nell’altro capo del mondo anche se sono della provincia di Vicenza). Mi sentivo terribilmente SOLO!

Tutto era troppo per me, non riuscivo ad andare avanti ed arrivai ad avere brutti pensieri (ma veramente brutti, i peggiori che si possano formulare).

Poi un giorno, guardando i vari servizi offerti dall’università notai varie attività tra cui una che mi incuriosì molto…(ero proprio disperato) che offriva “lo psicologo dei giovani”, uno psicologo specializzato in rapporti e problemi giovanili.

Ci andai e sfatai subito il primo falso mito sugli psicologi:

“GLI PSICOLOGI NON SONO DEGLI STRIZZA CERVELLI”

(nell’immaginario comune si ritiene che chi vada dallo psicologo sia una persona malata, se non pazza quasi)

E invece..
Ti aiutano a vedere le situazioni da una prospettiva differente… e questo può aiutare molto! A volte basta vedere la situazione da un’ottica nuova ed il disagio sembra subito ridimensionarsi.

Nei mesi successivi, quelle sedute mi hanno aperto al mondo della crescita personale, ho capito che esistevano delle tecniche, dei metodi e delle strategie per realizzare i propri obbiettivi, accedere a qualità nascoste inconsce, sviluppare cioè una mentalità differente.

Dopo oltre 20 anni di pessimismo e negatività… insomma… ho capito che potevo togliermi delle soddisfazioni nella vita e crearne una di cui poter andare fiero limitando i rimpianti e aumentando i successi (e di conseguenza i fallimenti istruttivi :) .

E’ stata una bella scoperta…

Ecco come conobbi Eft, la tecnica veramente più semplice al mondo per cambiare le proprie emozioni.

Era estate, precisamente luglio. Girovagavo in internet, quando entrai in un forum.

Lessi un annuncio di una persona che offriva delle sessioni gratuite di eft (a suo tempo non sapevo cosa fosse eft) per superare i blocchi emotivi (ecco come mi sentivo, la parola giusta era proprio “bloccato”). Contattai quella persona la quale fu molto gentile e si offrì di farmi una sessione gratis.

Chiesi in giro se c’era da fidarsi. Il 90% delle persone a cui mi rivolsi mi disse di provare solo se questa persona aveva una certificazione di operatore, viceversa avrei preso una fregatura.

Domandai allora a questa persona se aveva o meno un certificato da operatore eft e lui mi disse: “No, niente, sta a te se fidarti o no”.

… E io mi fidai! :)

Per fortuna…

Conobbi così Andrea Magrin, con il quale feci delle sessioni gratis. Andrea Magrin mi aiutò tanto, decisi di imparare bene eft, andai ad un corso di Andrea Fredi nella mia zona e feci anche con lui una sessione privata dopo il corso.

Da quel momento non mi fermai più, incominciai a seguire corsi su eft,  sulle tecniche energetiche per attirare l’abbondanza, reiki, theta healing… etc… intanto continuavo a leggere libri di programmazione neurolinguistica e di benessere personale in generale.

Anche oggi amo mixare diverse tecniche per lavorare sul mio benessere (meditazione, tecniche di respirazione, pnl), ma l’eft resta sempre il mio metodo preferito, del resto all’uso dell’eft devo il cambiamento principale nella mia vita.

Ma Come funziona Eft?

Eft parte dal presupposto che siamo attraversati e composti da energia…

Se siamo energia, quando stiamo bene, l’energia fluisce liberamente lungo tutto il corpo, se abbiamo paura di qualcosa significa che in un certo punto esiste un blocco, un ristagno, un ingorgo.

E qui entra in gioco Eft, essa non agisce a livello mentale come può fare la Pnl, ma al livello ancora più profondo.

Il funzionamento è molto semplice.

Localizzi il problema: ad esempio mettiamo che hai paura dei ragni.

Trovi l’aspetto specifico del problema:  ho paura delle zampe del ragno.

Ti picchietti (“tamburelli con le dita delle mani in determinati punti del corpo dove è localizzato il blocco energetico”) quando senti l’emozione delle zampe del ragno.

Localizzare il problema è fondamentale, perché vuol dire picchiettarsi nel punto esatto del blocco, se non si pensa/sente l’emozione delle zampe del ragno (per continuare con il nostro esempio) e ci si picchietta è come picchiettarsi a vuoto, senza risultati, sprecando tanto tempo.

Ad ogni picchiettamento si “smuove” l’energia bloccata fino a liberare completamente il flusso così da riprendere la libera circolazione dell’energia (e la paura se ne va).

Nel nostro corpo l’energia infatti fluisce in dei minuscoli tubicini chiamati meridiani energetici, alcuni di questi hanno dei “punti di uscita” più vicini alla superficie del corpo, noi andiamo a picchiettare questi punti in modo da smuovere tutta l’energia corrispondente.

Come molte volte accade, nei momenti brutti capitano le svolte.

Con quel solo piccolo cambiamento e il coraggio di andare dallo psicologo a Venezia ora posso parlarti di Eft e di come ha aiutato me per superare blocchi, paure e raggiungere traguardi magari stupidi, ma per me impensabili.

Uno tra tutti voglio raccontartelo…

Fino a circa 18 anni non ero mai andato in discoteca… il ballo quasi non sapevo cosa fosse… poi iniziai a frequentarla un po’… ma di ballare non esisteva.

Vedevo tutti che si divertivano, ballavano come matti ed io in un angolino a dirmi: “Che schifo, che ci sono venuto a fare qui ?” eppure… eppure… una parte di me sapeva che in realtà non era malaccio ballare, ti sfogavi, scaricavi stress e tensione e seguivi la musica.

Dopo qualche anno che frequentavo discoteche imparai la tecnica Eft e decisi di sfruttarla anche per il mio blocco nel ballare.

I risultati furono sensazionali. A 22 anni, ho avuto il coraggio di andare a ballare Hip hop da solo, senza conoscere nessuno e senza mai aver ballato in vita mia! (e la gente se ne accorgeva, te l’assicuro :) ).

L’anno seguente ho praticato pure un anno di latino americano, e mi sono divertito un mondo!

Questo e’ uno degli episodi di cui vado più fiero :)

Io, da passivo ed inerme, sono riuscito a sviluppare una vita in cui ho il potere di scegliere, di vivere pienamente, ai miei ritmi, con i miei modi, migliorando la socialità e sviluppando le mie qualità, e se vuoi puoi farlo anche tu.

=====================
Ti ho raccontato la mia esperienza per condividere con te la scoperta di questa tecnica che mi ha tanto aiutato. Entusiasta dei risultati raggiunti ho anche creato dei video per insegnare alle persone come usare EFT e liberarsi da blocchi energetici e paure.

Se vuoi testare l’efficacia di Eft direttamente su di te vai in questa pagina:

http://labibbiadieft.com/amember/go.php?r=7

Ti auguro il meglio.

E ti ringrazio per aver letto la mia storia.

Manuel.

Autoguarirsi

reiki_2

Questo post è per tutti, ma in particolare è dedicato alle due persone che dimorano nella mia abitazione afflitti in un modo o nell’altro dal binomio malattia/dolore.

Un modo utili per far passare l’uno e l’altro (li uso come sinonimi) non è coprirli con delle medicine, nè ostacolare il loro corso.

Tutt’altro.

Per fare andare via il dolore (sia esso fisico o emotivo) bisogna letteralmente lasciarlo andare.  Bisogna ascoltare il dolore sordo, lasciare che comunichi il suo messaggio, accoglierlo nella sua importanza e lasciar andare con amore quel disagio.

Il dolore è nella resistenza, nel trattenere le energie.

Fa male (in senso figurato e non) laddove si contrasta il dolore, non lo si accetta, bloccando il naturale fluire dell’energia.

Un esercizio miracoloso per far evaporare il dolore consiste proprio nel lasciarlo fluire completamente.

Ci viene in aiuto Joe Vitale, che nel best seller The Key – La Chiave spiega un trucchetto efficacissimo per alleviare i mali.

La riporto testualmente:

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

1) Piegate la testa in avanti e posate la mano sull’addome o sul petto per aiutarvi a sentire l’emozione

2) Sentite l’emozione nel corpo.

3) Misuratela su una scala da 0 a 10

4) Aumentatela o raddoppiate volontariamente la sua intensità (fa male eh…? stai tranquillo ..è lì che stiamo andando a sbloccare il ristango energetico)

5) Aumentatela ancora, ancora, ancora…

6) Aumentando l’intensità, noterete che si scioglie e inizia a scomparire

7) Misuratela di nuovo da una scala da 0 10. E’ diminuita’?

Se è così, siete sulla strada giusta. Continuate l’esercizio finchè l’intensità dell’emozione scende a zero.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dolore risiede nel voler contrastare il messaggio, non nel messaggio stesso.

Il sintomo doloroso è come il bip bip del cellulare:  una volta che il destinatario del messaggio ha letto e interpretato il contenuto della missivaallora la sofferenza non ha più ragione di presenziare.

:-)

*

Questo post non ha un valore terapeutico, nè medico.

E’ solo dedicato ai miei.

:-)

VVB

Simona

Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI