Articoli marcati con tag ‘legge di attrazione’

L’incatesimo delle parole

d777ea480cb58fda

Oggi parlerò di quelle frasi e di quei modi di dire che influenzano la nostra realtà.

Elencherò in particolare quelle parole che hanno un impatto forte sul  nostro corpo e ne determinano lo stato di salute.

Le parole, come detto nel precedente post, lasciano sempre un segno, specie se ripetute e a volte contribuiscono addirittura all’insorgere di un disturbo fisico.

Come dice Roberto Re in Leader di te stesso:

“L’uso sbagliato delle parole nel descrivere le esperienze della nostra vita può distruggerci emotivamente tanto quanto la scelta di parole più produttive può far scaturire in noi emozioni assoultamente positive.

Le cose che ci diciamo costantemente e intensamente poco per volta diventano la nostra realtà”.

Come fare allora? Prendendo coscienza di ciò che diciamo, scegliendo accuratamente le nostre parole prima di proferirle a noi stessi e agli altri.

Suggerisce ancora Re infatti:  “Una buona pratica quotidiana che potremmo fare relativamente a questo è cercare di diventare più consapevoli del linguaggio che utilizziamo ogni giorno, accentuando l’uso di colori brillanti in tutte le loro sfumature e attenuando il più possibile i toni cupi”.

Da una maggiore consapevolezza deriva pertanto un maggior controllo non solo sul fluire delle parole, ma anche delle emozioni che si celano dietro di esse.

Alcune frasi da evitare nascondono il nostro modo di vedere il Mondo che poi appare ai nostri occhi a conferma di come lo immaginiamo.

Tra queste programmazioni inconsce ci sono quelle che hanno una ripercussione sfavorevole come ad esempio i modi dire che dipingono la vita come difficile  e faticosa:

- La vita è una lotta

- Nella vita bisogna lavorare duro

- I soldi non si trovano dietro l’angolo

- Per essere belle bisogna soffrire

- Nella vita non si può fare tutto quello che si vuole

- Non si può avere tutto

- Le disgrazie non arrivano mai da sole

-Prima o poi tocca a tutti

-Quando uno nasce disgraziato…

- Chi nasce servo non nasce padrone

- Ridi oggi, piangi domani

- Tutte le cose belle finiscono

- Non si diventa ricchi senza sporcarsi le mani

- Non si impara niente gratis

- Quando smetti di lavorare sei finito

…e così via.

Una volta presa coscienza della potenziale dannosità di certe espressioni andrebbe poi corretta con un affermazione dal carattere depotenziante.

Se diciamo ad esempio: “Da questa situazione non ne uscirò mai” andrebbe sostituita con una frase del tipo: “Non so come, ma ne uscirò“.

Oppure invece di dire: “Questa cosa mi ha colpito“  sarebbe più opportuno cambiarla con “Questa cosa mi ha parecchio interessato” ecc.

Alcune parole poi, per la loro carica simbolica che il subconscio capta e traduce in senso letterale, se reiterate nel tempo possono provocare malanni.

E’ il caso dell’elenco che segue, meravigliosamente redatto dalla psicoterapeuta Claudia Rainville nel libro “Metamedicina -Ogni sintomo è un messaggio” con tanto di suggerimenti su come contrastare l’effetto nocivo delle parole:

DA ANNULLARE

Non ho forza

SINTOMO

Debolezza

DA UTILIZZARE

Sono un pò più forte ogni giorno

——————————————————————————————

Non ho energia

SINTOMO

Stanchezza

DA UTILIZZARE

Sono ogni giorno più energico

——————————————————————————————

Devo sempre trattenermi

SINTOMO

Stitichezza

DA UTILIZZARE

Mi lascio sempre più libero di  essere me stesso

——————————————————————————————-

Mi sento soffocare

SINTOMO

Problemi respiratori

DA UTILIZZARE

Mi prendo il mio spazio sempre di più

——————————————————————————————–

Non riesco a digerirlo

SINTOMO

Mal di stomaco

DA UTILIZZARE

Non mi è facile accettarlo

——————————————————————————————-

Ce l’ho ancora nel gozzo

SINTOMO

Mal di gola

DA UTILIZZARE

Mi concedo del tempo per assimilarlo

——————————————————————————————–

Questa faccenda mi brucia ancora

SINTOMO

Bruciore di stomaco

DA UTILIZZARE

Per me non è facile da accettare

——————————————————————————————–

Mi prende alle viscere

SINTOMO

Mal di pancia dolorosi o emorragie

DA UTILIZZARE

Questa cosa mi tocca in profondità

——————————————————————————————–

Ho il morale a terra

SINTOMO

Depressione

DA UTILIZZARE

Domani andrà meglio

———————————————————————————————

Mi prende alla gola

SINTOMO

Asma, probemi respiratori

DA UTILIZZARE

C’è sempre una soluzione

——————————————————————————————–

Mi sembra di non andare avanti

SINTOMO

Male ai piedi

DA UTILIZZARE

Sto studiando quale è il passo migliore da fare

———————————————————————————————

Mi faccio un fegato grosso così

SINTOMO

Problemi al fegato

DA UTILIZZARE

Ho fiducia che le cose migliorino

———————————————————————————————

Ho sempre dovuto mandare tutto giù

SINTOMO

Cancro alla laringe

DA UTILIZZARE

Imparo ad esprimermi

——————————————————————————————–

Mi faccio cattivo sangue

SINTOMO

Setticemia, Colesterolo

DA UTILIZZARE

Non sono del tutto tranquillo, ma sto imparando ad avere

fiducia

——————————————————————————————–

Devo sempre combattere

SINTOMO

Malattie del sangue, leucemia

DA UTILIZZARE

Bisogna che cerchi delle soluzioni

——————————————————————————————–

Non c’è mai nessuno che mi sostenga

SINTOMO

Disturbo all’arco dei piedi

DA UTILIZZARE

Ho imparato a contare su me stesso

——————————————————————————————–

Ingrasso anche solo bevendo acqua

SINTOMO

Obesità

DA UTILIZZARE

L’acqua elimina i grassi superflui

——————————————————————————————–

Mi fa cagare

SINTOMO

Diarrea

DA UTILIZZARE

Non mi piace

——————————————————————————————–

Mi rode, mi logora

SINTOMO

Cancro, amputazione

DA UTILIZZARE

Non mi dà tutto ciò che vorrei

——————————————————————————————–

Finanziariamente sono nella merda

SINTOMO

Problemi al colon

DA UTILIZZARE

Le cose si sistemeranno

——————————————————————————————–

Questa non è vita

SINTOMO

Polmonite

DA UTILIZZARE

Bisogna che trovi delle soluzioni per facilitarmi la vita

——————————————————————————————–

Mi spezza il cuore

SINTOMO

Problemi cardiaci

DA UTILIZZARE

Mi rattrista

——————————————————————————————–

Mi hanno trascinato nel fango e coperto di merda

SINTOMO

Problemi al retto

DA UTILIZZARE

Questa storia mi ha toccato nella mia integrità

——————————————————————————————–

Come vedi sono davvero numerose le espressioni di uso comune che contribuiscono a creare a nostra insaputa le condizioni per l’instaurarsi di una patologia.

Ogni linguaggio gergale o dialettale ha poi espressioni diverse che qui per ovvi motivi non potevano essere tutte contemplate.

Me ne sovviene una tipica delle mie parti che sta and indicare una condizione di sofferenza penosa: “gettare il sangue” espressione che allude metaforicamente ad un’emorragia e di conseguenza perdita di vita e di gioia.

L’elenco sarebbe lunghissimo, ma spero che questi esempi siano stati utili, così quando starai per  pronunciare una parola -incantesimo ne sarai cosciente e ad avrai tutto il tempo per sostituirla con un’espressione più felice.

Buone chiacchiere consapevoli!

Simona

:-)

PS

Non è che alla sola pronuncia di una frase di questo tipo magicamente si manifesta il disturbo, ma la verbalizzazione ripetuta nel tempo predispone all’insorgenza di un malessere. Ovviamente gli esempi hanno un valore illustrativo e gli effetti non sono immediati, così come l’insorgenza delle malattie è solo potenziale.

Il potere della parola

patterns-in-ohm-yael-eylat-tanaka

Si parla tanto di Legge dell’attrazione e dell’importanza dei pensieri che creano la realtà.

Si consiglia in molti testi di scegliere accuratamente i pensieri e di essere consapevoli delle emozioni che da questi scaturiscono.

A ragione si dà importanza alla presa di coscienza di questi due importanti strumenti (pensieri ed emozioni) mediante i quali si costruisce il nostro quotidiano.

Ma se il pensiero è capace di costruire la realtà così come fa l’emozione ad esso associata, c’è un altro strumento altrettanto importante con cui consci o non, creiamo il nostro destino: la parola.

La parola è del resto pensiero fatto suono e la sua vibrazione è potente.

Tutta la nostra realtà del resto nasce da un suono, un suono primigenio, come sanno coloro che intonano l’AUM meditativo o chi conosce i sacri testi su cui è scritto:

In Principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio” (Gv, 1, 1-18).

Se le parola (sia scritta che parlata) ha una risonanza nel cosmo tanto forte, perchè allora non imparare a sceglierla con cura?.

Scrive Rinaldo Lampis in un testo che ho molto amato e dal titolo L’uso cosciente delle energie :

“La parola è un tipo di energia ancora più potente del pensiero, perchè è pensiero con in più l’energia del suono; è importante quindi prestare attenzione non solo ai pensieri che provengono dal nostro programma, dal nostro modo di pensare, ma anche al nostro modo di esprimerci (eliminando quelle parole e frasi fatte che usiamo automaticamente durante la giornata) fa sì che emaniamo un’energia debole, imprecisa o dannosa al nostro benessere mentale”.

In pratica come descriviamo a parole il Mondo così questo si presenta ai nostri occhi.

Se i pensieri sono la penna con cui scriviamo la nostra realtà intinta nell’inchiostro delle emozioni, la parola allora è il segno che  poniamo sul foglio bianco della nostra esistenza.

Attenzione allora alle parole, attenzione a tutte. Non lasciare che escano dalla tua bocca senza che tu sia consapevole delle conseguenze che esse possono scatenare.

Anche le parole creano karma, lo creano eccome, nel bene e nel male.

Prendiamo l’esempio di una parolaccia, una parola di disprezzo verso qualcosa o qualcuno.

La diciamo. La buttiamo lì in un discorso, credendola innocua, magari di cattivo gusto per alcuni, ma pur sempre innocua. E invece la brutta parola comincia il suo viaggio, risuona nell’universo ed espande il suo messaggio nel cosmo.

Ritornerà a noi prima o poi, in una forma o nell’altra.

La parolaccia è come una carta buttata in terra. Non è la fine del Mondo, ma a te cittadino o passante tornerà una città sporca.

Con questo non voglio incitare ad un linguggio bigotto, ma ecologico, pulito, consapevole e dettato unicamente dall’amorevolezza.

:-)

Si legge in La luce sul sentiero, un trattato sul percorso interiore la cui origine si perde nella notte dei tempi (la sua forma originaria era quella di un manoscritto di foglie di palma su cui erano redatti i preziosi aforismi, ciascuno dei quali può essere considerato una perla di saggezza dal valore universale e immortale):

Prima che la voce possa parlare in presenza dei Maestri, essa deve aver perduto il potere di ferire. Prima che l’anima possa stare alla presenza dei Maestri, i suoi piedi devono essere lavati nel sangue del cuore”.

Che le tue parole siano come la musica degli angeli.

:-)

Simona

PS

Nel prossimo post farò degli esempi concreti sui modi di dire più comuni e le frasi fatte che influenzano negativamente la nostra realtà.


Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI