Articoli marcati con tag ‘Dio’

Meditazione tramite la tecnica del Theta Healing di Vianna Stibal

Ciao,

oggi parliamo di Theta Healing, tecnica di guarigione ideata e divulgata da Vianna Stibal, nota in tutto il mondo per le sue capacità di connessione diretta con Il Creatore di Tutto Ciò Che E’.

Nessuna mediazione, nessuna formula complicata, nessuno sforzo di anni, è possibile  accedere al Settimo Livello grazie allo Stato Theta con una semplice pratica.

E’ qui, a questo livello di coscienza di rilassamento profondo che avvengono le guarigione istantanee. Quello che ci insegna Vianna, oltre al lavoro sull’individuazione delle credenze limitanti e la sostituzione con set di pensieri potenzianti, è che tutti possono accedere a questo livello e cambiare le cose dall’ “Alto”.

Vianna ci insegna (anzi ci ricorda) che davvero è tutto possibile, se accettiamo la possibilità di metterci in comunione con il livello più profondo della nostra essenza.

A quel livello lì, possiamo chiedere qualunque cosa al Creatore Di Tutto Ciò Che E’.

Ciò che dobbiamo fare è solo aprirci alla possibilità che ciò che sentiamo è reale, che la connessione stabilita è autentica e che effettivamente i miracoli accadono.

L’insegnamento più importante del lavoro di Vianna, è secondo me, quello che ci fa abbattere tutte le convinzioni che ci dicono che Dio (la Dea, la Provvidenza, L’Essenza Primigenia, l’Universo, Il Bene supremo o come vuoi chiamarlo) è un’entità lontana e difficile da accedervi e che i miracoli sono rari e avvengono solo per pochi eletti.

Vai su, chiedi direttamente a Dio e osserva la guarigione.

Chiedi che ti vengano rimosse convinzioni limitanti sull’amore, i soldi, il rapporto con gli altri e te stesso e che vengano instillati i sentimenti di compassione, fiducia, abbondanza, pace etc.

E poi osserva, senti e partecipa alla guarigione che avviene dentro di te.

Abbandonati al cambiamento che chiedi. Percepiscilo dentro di te. Senti che è possibile ed accetta il miracolo del cambiamento.

Le cose possono essere cambiate. Tutto puo’ essere cambiato. La realtà è plastica. Ciò che crediamo del mondo può essere rivisto e di fatto nuovi e soprendenti scenari possono aprirsi davanti a noi.

L’unico ingrediente affinchè tutto ciò avvenga è la fiducia che amorevolmente il Creatore di Tutto Ciò Che E’ si prenda cura di te e realizzi la tua richiesta, instantaneamente.

L’unico ostacolo che si frappone tra te e la realizzaizone della tua richiesta è la volontà e la credenza che ciò non sia possibile o che tu non sia all’altezza di meritarlo.

Se senti che queste mie parole risuonano, in te, ti suggerisco di approfondire questa tecnica: esistono diversi corsi in Italia dove poter far pratica di Theta Healing, oppure potresti cominciare a leggere due dei libri più famosi di Vianna: “Theta Healing” e “Theta Healing Avanzato” .

Da quest’ultimo testo è tratta la meditazione che tra poco trasciverò e che ti consiglio di praticare per accedere al Cosidetto Settimo Livello, nel quale incontrerai il Creatore Di Tutto Ciò Che E’ e al quale potrai chiedere di mostrarti cosa cambiare, quali sentimenti instillare, quali credenze rimuovere e quali nuove convinzioni accettare.

Osserva cosa accade dopo la tua richiesta, resta in ascolto nello Stato Theta e registra cosa succede dentro di te.

Poi, quando ti sentirai appagato delle sensazioni e/o visualizzazioni ricevute, torna alla tua vita quotidiana, certo di aver ottenuto ciò che chiedi.

La meditazione che segue è un ottimo punto di partenza per farti avvincinare alla tecnica del Theta Healing, se senti che ti interessa e fa per te e rappresenta un utile strumento per accedere ad uno stato di benessere, calma e consapevolezza.

Ecco per te LA MEDITAZIONE PER SALIRE AL SETTIMO LIVELLO E CONNETTERSI AL CREATORE DI TUTTO CIO’ CHE E‘,

direttamente tratta dal libro “Theta Healing Avanzato“.

Immaginate l’energia salire dal centro della terra, risalire attraverso i vostri piedi e uscire dalla sommità della vostra testa in una splendida bolla di luce.

Voi siete all’interno di questa bolla. Prendetevi il tempo per vedere di che colore è. Ora immaginate di salire oltre l’universo.

Immaginate di entrare nella luce che si trova sopra l’universo: è una gran bella luce. Immaginate di salire attraversando quella luce e di vedere un’altra luce radiosa, e poi un’altra, e un’altra ancora, poichè ci sono molte luci radiose.

Andate avanti. Tra le luci, vi è una luce smorta, ma si tratta di uno strato che precede la luce successiva, quindi continuate a salire in tranquillità.

Infine vi è una grande e intensa luce. Attraversatela. Attraversendola, vedrete un’energia scura, una sostanza gelatinosa, che ha tutti i colori dell’arcobaleno.

Entrando al suo interno, vi accorgerete che cambia colore. Queste sono le Leggi. Vedrete ogni tipo di forma e colore. In lontananza, vi è una luce di un bianco iridescente; è di un colore azzurro chiaro, come una perla.

Dirigetevi verso quella luce. Evitate la luce blu scuro perchè questa è la Legge del Magnetismo. Mano a mano che vi avvicinate, dovreste vedere una nebbia color rosa.

Continuate finchè non la vedete. Questa è la legge della Compassione che vi condurrà in un luogo speciale. Potrebbe succedervi di vedere una luce perlescente che ha la forma di un rettangolo, come fosse una finestra.

Questa finestra è il varco che conduce al Settimo Piano. Ora entrate attraverso quest’apertura e proseguite al suo interno. Vi troverete immersi in una sfavillante luce bianca come la neve.

Vi può essere qualche scintilla di blu o di rosa, come fosse una perla, ma è sopratutto una luce luminescente color bianco neve. Avrete la sensazione che questa luce attraversi il vostro corpo.

Sembra leggera, ma ha sostanza. Potete sentire che vi attraversa: è come se non riusciste più a distinguere il vostro corpo da quest’energia. Diventate Tutto Ciò Che E’. Non preoccupatevi, il vostro corpo non sparirà. Diventerà perfetto e sano.

Ricordate che qui non ci sono nè persone nè cose, ma solo energia. Quindi, se vedete delle persone, andate più in alto. E’ da questo luogo che il “Creatore di Tutto Ciò Che E’” può compiere Guarigioni che ridaranno salute all’istante e che voi potrete creare la vostra vita, in tutti i suoi aspetti“.

In questo stato chiedi di mostrarti ciò che ti sta a cuore, comanda di ottenerlo, è un tuo proprio diritto ed osserva mentre il Creatore Di Tutto Ciò Che E‘ si metta all’opera.

:-)

Poi, se hai piacere nel condividere la tua esperienza, non dimenticarti di scrivermi un commento qui sotto.

:-)

Io uso giornalmente la tecnica del Theta Healing, sia su me stessa, sia con i miei cari, sia nelle sessioni di coaching live e tramite skype e posso testimoniarti la grandiosa efficacia di questo metodo.

Ti auguro il meglio.

Con amore

Simona

L’arte di far accadere le cose

leggero

Sai chi sei veramente?

Sei un Dio che ha dimenticato di esserlo. Sei pura divinità che cammina, ma che ha perduto il ricordo della sua essenza più profonda.

La storia su come abbiamo dimenticato della nostra regalità divina è descritta da Mike Dooley (uno dei tanti autori di “The Secret“) nell’introduzione del suo libro “L’arte di far accadere le cose” di cui riporto la genesi dell’umanità.

Non molto tempo fa, nelle distese sotto l’Infinito si formò un consiglio di impavidi esploratori - soldati di ventura molto simili a voi – che avevano preso a noia la perfezione, l’immensità e la beatitudine senza limiti.

Potevano possedere qualsiasi cosa volessere possedere. Potevano cambiare qualsiasi cosa volessero cambiare.  Potevano diventare qualasiasi cosa volessero essere.

La loro esistenza era diventata così insopportabilmente monotona che ormai facevano fatica a sentirsi i grandi Avventurieri che erano. Non erano abbastanza, convennero tutti: bisognava fare qualcosa. Quindi, essendo quelli che erano, decisero di inventare per la loro realtà una dimensione nuova“.

(…)

Così…”cominciarono ad esplorare le infinite possibilità che improvvisamente si aprivano davanti a loro” arricchendo il loro gioco di nuove sfide ed opportunità.

Inventarono ad esempio LO SPAZIO, giacchè prima erano in tutti i luoghi contemporanamente ed inventarono LA MATERIA.

Ogni pensiero e desiderio prendeva così una forma e la materia cominciò a riempire lo spazio fisico.

Per rendere ancora più stimolante l’esperienza allora gli Avventurieri si nascosero nella Materia e cominciarono a riferirsi a se stessi, da quel momento, come UMANI.

Questo portò alla necessità di ritrovarsi l’un l’altro nella materia esistente; fu così che finalmente si creò IL TEMPO.”

Gli Avventurieri trascorsero così tanto tempo a giocare ed esplorare le nuove possibilità della creazione che dimenticarono di essere essi stessi delle proprie creazioni e dimenticarono finanche di essere dappertutto, infiniti ed immortali.

“Man mano che il tempo passava, caddero in una trance sempre più profonda che cominciarono a sentirsi intrappolati nei loro corpi, privi di ogni potere all’interno delle loro creazioni.

Non si rendevano più nemmeno conto che erano loro stessi, con i loro pensieri a creare gli oggetti e gli eventi della loro vita e, sebbene rispetto a prima nulla fosse cambiato, iniziarono a considerare quegli oggetti ed eventi come qualcosa da combattere.”

Scaturirono così una molteplicità di emozioni, alcune piacevoli ed entusiasmanti, altre angoscianti e destabilizzanti come LA PAURA.

Dopo un pò scoprirono poi che queste emozioni erano tutte utili per la propria evoluzione e per sperimentare nuove forme di sentire.

Alcuni di essi si risvegliarono dal torpore e continuarono a partecipare al gioco cosmico dell’esistenza con un grado di consapevolezza maggiore ed un maggiore divertimento.

Altri cominciarono a ricordare che “solo smarrendo se stessi e diventando schiavi delle loro illusioni quegli Avventurieri hanno potuto essere condotti emotivamente – grazie ai loro ardenti desideri – a riconoscere e rivendicare la loro profonda divinità.”

Questa storia, narrata da Mike Dooley e da me elaborata e riassunta qui, non è solo una favola, ma ha più analogie con il vero di quanto si possa immaginare.

L’origine del motto, ormai noto in ambito di legge di attrazione secondo cui “I pensieri diventano cose” è da ricercarsi nella nostra genealogia divina e nelle nostre dormienti facoltà di operare sulla realtà.

Qualunque cosa tu stia facendo non dimenticare la parte divina che in te dimora, benedicila e rispettala così come faresti con la divinità che alberga negli altri individui.

Che le tue presenti e future creazioni siano consapevoli ed animate da uno spirito gioioso e gaio.

Che i tuoi pensieri più raggianti possano allinearsi con ciò che il tuo cuore desidera.

<3 <3 <3

Namastè

Simona


Il ruolo della donna nella Nuova Era

dea1

Ciao,

oggi riprendo a parlare dell’energia femminile che si sta sprigionando da più parti ed anche questo segno di un cambiamento di coscienza dell’umanità e della nostra amata Terra.

Nel precedente post qualcuno mi aveva chiesto di esplicitare in che modo quest’energia femminile si sta diffondendo e cercherò di chiarirlo adesso.

Stiamo andando incontro alla fusione delle nostre polarità yin e yang, dentro di noi si sta verificando il cosiddetto “matrimonio alchemico” ovvero l’integrazione della nostra parte femminile e maschile.

Il divino, del resto, è maschile e femminile e Dio è Padre e Madre allo stesso tempo.

Nei sistemi di pensiero e credenze spirituali più antichi il culto della Dea era molto sentito, si pensi alla storia di Gaia da cui tutto ebbe origine o la venerazione di Iside in Egitto.

Poi, nuove forme – pensiero fallocratiche si sono imposte nella cultura e nell’immaginario collettivo e questo ha fatto sì che la Divinità fosse presentata come monca della sua parte femminile.

Come ci ricorda Saint Germain in “Anime Gemelle. Anime Compagne”:

Per eoni il maschio ha temuto questa mistica che egli non poteva comprendere con la sua mente logica, perciò ha cercato di dominare, sopprimere e perseguitare la donna così da sentirsi più potente. Questo ha portato ad uno squilibrio cruciale nella percezione del maschile e del femminile come generi paritari”.

Ciò che riporto adesso è un brano tratto d un ebook gratuito, scaricabile a questo sito: http://www.purocuorefranoi.com/il%20piano%20divino/il_piano_divino.pdf e dal titolo “Il piano divino per la Terra” che spiega cosa sta avvenendo in termini di cambiamento e di riequilibrio tra il mascolino ed il femmineo.

“È ormai evidente che sulla Terra c’è da tempi remoti una forte tendenza patriarcale. Le qualità innate dello spirito femminile – basate su creatività e intuito – sono state sempre guardate con timore dalla percezione distorta maschile, e così le donne sono state represse, dominate e perseguitate nel corso della storia. Per riportare l’equilibrio in un mondo che ha visto così tanto potere della forza maschile, la maggior parte delle anime dei Servitori hanno scelto di incarnarsi oggi sulla Terra in corpi femminili.

In quanto agenti del cambiamento, questi valorosi emissari del Nuovo Spirito portano sul pianeta una concentrazione davvero alta di energia femminile, che risolverà il problema della tendenza patriarcale una volta per tutte, riportando il necessario equilibrio e l’armonia delle quali beneficeranno tutti nel Nuovo Mondo, donne e uomini.

Qui poi c’è una raccomandazione molte utile che viene rivolta alle operatrici di Luce che spesso cadono nel gioco di ruolo infermiera/ammalato con il rischio di sprecare risorse ed energie preziose per la propria evoluzione sprituale.

Tuttavia, nel periodo che porta alla Grande Transizione, essendo ancora l’autorità maschile detentrice del potere globale, i Servitori di sesso femminile continueranno a esperire parte della sofferenza dovuta alla persecuzione collettiva subita da così tante donne nel corso dei secoli. Ma devono sapere che il tanto atteso momento della loro liberazione e della vittoria è ormai prossimo.

I Servitori di sesso femminile spesso sentono un’innata attrazione empatica per compagni che hanno grande bisogno di amore, cura e attenzione personali, ma presentano anche aspetti negativi della personalità che possono anche non includere la sindrome della dominanza maschile. Il pericolo potenziale insito in una simile unione è alto, anche se il programma personale ha spesso la funzione di condurre alcune donne alla diretta esperienza di legami di questo tipo.

Il desiderio cieco di essere utili può portare a dei rapporti personali davvero deleteri, nei quali il Servitore di sesso femminile corre il rischio di essere oscurato e vampirizzato (privati della forza vitale) dal proprio partner a causa di un’interazione dei chakra debilitante e della contaminazione aurica: una donna che tenta con sincerità di aiutare un uomo incapace di ricevere il suo amore. Il male opera senza sforzo e con grandi risultati, attraverso uomini pieni delle caratteristiche del sé inferiore, e l’oppressione è un risultato davvero comune della tendenza a lasciarsi sottomettere mostrata da molti Servitori di sesso femminile, e può apportare gravi danni psico-emozionali. Indugiare troppo a lungo in relazioni di questo tipo che non mostrino miglioramenti può essere fatale per la missione di un Servitore, e molte donne si troveranno costrette a separarsi dal proprio compagno nel corso delle imminenti transizioni.”

So che la tentazione di voler aiutare il proprio uomo è forte, ma contiene in sé un’insidia.

L’insidia è quella di voler controllare e dirigere qualcuno aspettando che cambi e questo (ahimè) non è amore, bensì ossessione.

L’amore è accettazione.

Attenzione quindi a non farsi travolgere da giochetti psicologico intra-coppia che inducono all’autoannientamento a beneficio di qualcun altro.

Se vuoi fare qualcosa per il tuo uomo, cambia te stessa. Se vuoi più amore, amati di più. Se vuoi più attenzione concediti più spazio e prenditi cura di te stessa.

Sei già completa di tuo. Non lasciare che la tua autostima vacilli sotto il giudizio altrui.

Tu sei la tua anima gemella. Quando ti amerai così come vuoi essere amata, attrarrai quell’amore che ora ti neghi.

Come per ogni cosa, parte tutto da noi stessi. Più amore si dà a se stessi, più se ne riceve.  Nessuno può essere salvato da nessun altro poiché la chiave per la felicità nessuno può girarla per noi.

Se vuoi approfondire il tema delle donne che amano troppo ti consiglio l’omonimo e famoso testo di Robin Norwood, “Donne che amano troppo”, oppure i libri di Sherry Argov dal provocatorio titolo “Perché gli uomini sposano le stronze e lasciano le brave ragazze e “Falli soffrire”.

Sulla stessa linea d’onda suggerisco anche il volume di Gerry Stergiopoulos dall’altrettanto provocatorio titolo “Trattali male”.

A dispetto dei titoli, non verrà mai consigliato di maltrattare alcun uomo, ma solo di amare più se stesse.

PS

Se ti interessa approfondire l’argomento delle donne che amano troppo, scrivimi in privato per email.

Meditazione sulla Dea

dea

Quella che segue è una meditazione sulla Dea tratta dal libro di Catherine WishartGiovani Dee“, un libro eccezionale per ritrovare la divinità dell’energia femminile.

In questi tempi, la Terra sta rilasciando un enorme potenziale rivestito anche, e sopratutto, dall’energia femminile.

Familiarizzare con questa energia è un percorso auspicabile sia per gli uomini che per le donne che vogliono integrare nel proprio sè la parte del femmineo più vicina al divino.

Ogni donna è un’incarnazione della Dea Madre, raffigurata di volta in volta nei secoli e dalle culture, da Iside, Afrodite, Maria la Madre di Gesù etc. etc.

Recuperare il divino femmineo o semplicemente affidarsi ad esso per ascoltare la voce della Dea, è una pratica che infonde autostima, senso di protezione e completezza.

Riscrivo i passi di questa meditazione guidata così come riportata nel volume, sperando che la Dea possa condurvi su sentieri luminosi e lieti.

:-)

Leggete una volta questa meditazione o registratela prima di iniziare. Create uno spazio sacro, se volete. Accendete una candela, mettete della musica rilassante e accendete dell’incenso.

Dite una preghiera: “Dea, guidami mentre faccio questo viaggio per incontrare la mia Dea interiore”.

Adesso immaginate di essere nel luogo della natura che preferite. Può essere un posto reale dove siete già state, uno che avete visto alla televisione, in un giornale di viaggi, oppure che esiste solo nella vostra immaginazione.

Usate tutti i vostri sensi per percepire questo luogo. Guardatevi attorno: cosa vedete? Ascoltate: cosa sentite? Osservate come percepite il luogo e gli odori.

Passate un minuto semplicemente godendovi la pace e la solitudine. Lasciate che il vostro corpo si rilassi completamente, con l’aiuto della bellezza del luogo.

Adesso cominciate a camminare nella vostra immaginazione. Continuate a camminare finchè arriverete a un albero molto grande.  Come vi avvicinate, notate che vi è una porta in esso, con dei simboli magici sopra. La aprite, è abbastanza pesante, ma riuscite a ogni modo a entrare senza tanti sforzi.

Dentro l’albero è molto buio. C’è un raggio di luce che proviene da una fenditura sulla cima dell’albero. I vostri occhi a poco a poco si abituano all’oscurità, e notate che davanti a voi c’è un grande specchio. Vi sentite attratte verso di esso. Avanzate lentamente, fin quasi a toccarlo. A questo punto una forza indescrivibile vi attira ancora più vicine.

Sentite il vostro corpo che viene portato su, sempre più in alto, da un vortice roteante e turbinante di energia. Quest’energia è al tempo stesso gentile e forte. Vi sentite calme e speranzose. Vi muovete sempre più in alto, su, oltre l’albero, attraverso il cielo e le stelle… finchè vi starete muovendo così velocemente che la vostra visione diventerà confusa.

Alla fine atterrate con un tonfo sul terreno. Sapete che siete senza ombra di dubbio nel regno incantato della Dea. Vi guardate attorno: qui tutto è bellissimo. Prendetevi un attimo per assorbire la bellezza di ciò che vi circonda. Qui vi sentite perfettamente a casa, tranquille e al sicuro. Sentite la leggerezza dell’essere presente in questo luogo, percepite la saggezza e l’amore perfetto del luogo che emana tutt’intorno a voi e attraverso di voi.

Dopo un pò notate una donna seduta in terra davanti a voi. E’ la donna più bella che abbiate mai visto. Ha gli occhi più dolci del mondo e vi è una sorta di luminosità che la circonda. Siete certamente alla presenza della Dea.

:-)

Colei che ha creato l’abbondanza e la bellezza dell’universo. Vi sorride e vi porge la mano. Voi gliela stringete. “Figlia mia” – vi dice – “Raccontami cosa c’è nel tuo cuore“. Iniziate a parlare con lei. Ditele quello che volete.

La Dea vi accarezza i capelli, le spalle, e poi mette le sue mani sopra il vostro cuore. “Figlia mia” – vi dice – “Il mio amore, la mia bellezza, la mia saggezza scorrono attraverso di te, poichè siamo fatte della stessa materia. Tu provieni da me. Sei la mia amata figlia e sei preziosissima.. L’amore divino ti riempie, la saggezza divina ti guida e la bellezza divina ti circonda. Adesso senti dentro di te il potere del tuo sè di Dea“.

La Dea tiene la mano su di voi per diversi minuti e vi sentite caricate del suo potere. Dopodichè vi consegna uno specchio. “Guarda figlia mia, questo è il tuo sè di Dea, questo è il tuo sè spirituale. Hai il potere di creare qualunque cosa desideri per la tua vita. La mia divinità scorre attraverso di te. Sono sempre con te. Non c’è un momento della tua vita nel quale io non ci sia, che tu te ne accorga o no. Sono sempre con te e per mezzo di me tutte le cose sono possibili. Fidati di me figlia mia. Dai a me le tue preoccupazioni, perchè io possa tirarti su di morale, dammi i tuoi sogni perchè io possa renderti capace di realizzarli, rendi la tua visione chiara, perchè tu possa vederti come sei realmente puro spirito, la manifestazione della Dea“.

Con una mano tiene lo specchio di fronte a voi, mentre l’altra la tiene fermamente sulla vostra schiena. “Tu sei la Dea” vi istruisce, “non lo scordare mai“.

Mentre fissate lo specchio vedete chiaramente il vostro sè di Dea, l’immagine diventa sempre più limpida finchè non riuscite a vedere senza dubbi il vostro sè spirituale, il vostro sè di Dea. Questo è il sè che volete mostrare di più nel mondo.

Trascorrete qualche minuto connettendovi con la vostra Dea interiore. Fatele delle domande, potete anche farne alcune alla Dea che sta seduta accanto a voi.

Qundo avrete detto tutto ciò che avete bisogno di dire, guardate negli occhi il vostro sè di Dea e chiedetele che cosa avete bisogno di fare in questo momento per portarla più alla luce nel vostro sè di tutti i giorni.

Quando vi avrà risposto, ringraziatela.

Adesso è il momento di andare via, ma non vi sentite tristi perchè sapete che la Dea è con voi in ogni momento e vi potete mettere in contatto con lei ogni qualvolta lo desideriate.

Vi preparate ad intraprendere il viaggio per tornare nel mondo fisico.

Iniziate lentamente a ritornare nella vostra stanza, nel momento presente, nel luogo dove siete. Diventate consapevoli di dove siete con il corpo, muovete lentamente le gambe, le braccia e la testa. Aprite lentamente gli occhi e riportate la vostra coscienza nella vostra stanza…

La meditazione è terminata.

Spero sia stata gradita.

:-)

Auguri Dee!!

Un abbraccio luminoso.

Simona

PS

Felicia di www.felicementericca.com ci ha fatto un regalo bellissimo.

:-)

Ha inciso questa meditazione ed ha creato un prodotto audio a dir poco favoloso.

E’ scaricabile gratuitamente a questo link:

http://www.4shared.com/file/246023447/88fdb7a3/DEA.html

Grazie Dea Felicia!

<3





Oltre il bene e il male

L'alba del Tao

Oggi parlererò di quel “cattivone” del Diavolo o per meglio dire del “male” ed ogni forma collegata a questi due concetti.

Per farlo esporrò le mie idee attraverso uno dei passaggi più illuminanti e divertenti che abbia mai letto, tratto dal libro “The riconnection. La riconessione” di Eric Pearl“.

Bene. Reggetevi forte.

Sedetevi per un attimo, sostenetevi, e se avete un paio di collane di aglio indossatele pure perchè sto per dirvi qualcosa che potrebbe scuotere qualcuno dei vostri falsi principi: non esiste una cosa come il male.

Non esistono entità il cuo scopo nella vita è quello di generare il caos nelle vostre vite o nascondersi in stanza buie e dentro gli armadi in attesa del momento giusto per saltar fuori e urlare: <<Boooooooooooooo!!!>>.

Non solo, non hanno dei cugini che si attaccano alle vostre spalle e che per essere scacciati hanno bisogno di sedute che durano settimane o mesi, o che possono essere tenuti lontani per mezzo di amuleti e pendagli estremamente costosi e arricchiti di gemme.

Smettetela di adularvi così tanto. Queste sono soltanto fantasie e creazioni della vostra mente. Se anche una di queste entità fosse mai esistita, sarebbe morta.

Probabilmente sono morti dalle risate pensando a tutto ciò che avete fatto nel tentativo di proteggervi da loro.

Un’entità è morta proprio ieri dopo aver scoperto quanti s0ldi avete speso per un amuleto“.

:-D

Personalmente quando scoprii che il male non esiste se non come frutto della mia mente, mi sentii parecchio sollevata. Non c’era dunque nessuno nato con lo scopo di arrecarmi danno e da cui dovevo proteggermi.

Mi scrollai di dosso anni di acculturamento fondato sulla paura.

Sin da piccoli infatti siamo stati indotti a credere nell’esistenza di figure maligne, spettri e presenze demoniache raffigurate di volta in volta nell’uomo nero, nella strega, in satana, fino ad arrivare alle cosidette “energie negative”, prodotto del distorto pensiero New Age.

Il nuovo paradigma dovrebbe invece essere fondato sul superamento del dualismo e delle vecchie categorie bene/male che danno luogo al giudizio, alla separazione, ai complessi di inferiorità/superiorità…nonchè alla paura.

Una delle insidie del pensiero New Age infatti è quella di creare nuovi mostri da cui guardarsi e proteggersi, generando così timori e rimedi per difendersene.

Pensiamo a tutta la letteratura su come sbarazzarsi delle energie negative che possono danneggiare il nostro ambiente e su tutti gli accorgimenti per tener lontani larve energetiche, voladores, alieni predatori e quant’altro.

Beh..mentre scacciamo la paura con l’intento di proteggerci dal male…stiamo proprio creando le premesse per vivere una vita nell’angoscia e nella paura.

Il nuovo pensiero dovrebbe liberarci dalle catene della superstizione, dai rituali che vogliono difenderci e proteggerci da qualcosa.

Secondo la nota legge dell’attrazione infatti, se penso che dovrò difendermi e proteggermi da “qualcosa”, quel “qualcosa” lo creerò con il mio pensiero.

Dovremmo imparare a sorvolare le categorie del bene e del male e porci oltre esse.

E’ operazione difficile ma non impossibile. E’ vero che la nostra cultura è intrisa nella dualità (giusto/sbagliato), molto più della cultura orientale (che ad esempio fa del tao l’unione di oscurità e luce in un flusso armonioso di tutto ciò che è) ma possiamo in ogni momento riscattarci dalla schiavitù di chi percepisce il Mondo come un luogo brutto, cattivo ed inospitale.

Non abbiamo bisogno di una pietra per essere amati da Dio, nè di una preghiera per chiamarlo al nostro cospetto, non necessitiamo di riti per riconoscerci nella perfezione dell’esistenza, andiamo bene così come siamo e l’Universo è pronto (adesso e non quando avremmo fatto chissà cosa) a regalarci tutto il bene di cui possiamo godere.

E’ solo l’inganno del dualismo a farci ritenere che una cosa sia cattiva.

Se riuscissimo ad essere indulgenti e tolleranti con la vita, con noi stessi e con gli altri soffriremo di meno o forse non soffriremo affatto.

Coglieremo ovunque opportunità e offerte di cui rallegrarci e festeggiare.

Sdradicare il vecchio pensiero del dover proteggere, controllare e prevenire ogni nefasta conseguenza, ci rende così liberi e leggeri da essere certi che nulla può scalfire la nostra beneamata e giusta felicità.

With love.

Simona

PS

Giovedì 4 febbraio Manuel Della Pozza di miglioriamociadesso.com mi intervisterà, come ti avevo preannunciato in un post precedente. Se hai domande, dubbi o curiosità a cui saresti felice che io rispendessi, puoi postarle qui (nei commenti) oppure sul blog di Manuel …cliccando il seguente link:

http://miglioriamociadesso.com/benessere/simona-vitale-intervista-imperdibile/

Ciaooooooo!

Il 2012 e l’Ascensione

merkaba

Ciao,

scrivo questo post per far chiarezza sul concetto di “Ascensione” un termine ricorrente nella letteratura sulla Nuova Era.

L’Ascensione è uno stato da raggiungere verso cui siamo tutti destinati. Chi prima e chi dopo ascenderà. Alcuni sono già divenuti “Maestri Ascesi“, altri lo diverranno dopo il 2012, altri, ancora dopo.

Ma vediamo da vicino in cosa consiste l’Ascensione visto che ci interessa tutti.

:-)

Diversamente da quanto si può credere l’Ascensione non corrisponde alla morte fisica, nè ad un’elevazione in cielo circondati da nuvolette.

Ascendere significa raggiungere un nuovo stato vibratorio (ascensione sta appunto ad indicare non una salita in Cielo bensì l’innalzamento delle vibrazioni) e recuperare tutte le nostre potenzialità di essere divini assopite da milenni.

Cosa avverrà concretamente?

Raggiungeremo una Nuova Terra, incontreremo i nostri fratelli extraterrestri e intraterrestri (coloro i quali dimorano nella Terra Cava e che hanno da tempo raggiunto stati di elevazione spirituale superiori ai nostri) che ci abbracceranno e ci istruiranno sulla nostra nuova forma di esistenza.

Spetterà a noi poi decidere se tornare sulla vecchia Terra aiutando, da Maestri Ascesi, chi non è ancora pronto per l’Ascensione, se viaggiare interdimensionalmente tra gli spazi e le galassie o ritornare all’Amore originario da cui Tutto ha preso forma.

Sembrano scenari da fantascienza?

Non lo sono. Molte anime in questo momento stanno operando per la nostra Ascensione nel pieno rispetto del nostro sacro libero arbitrio, garantendoci tutto il supporto necessario per questa fase di transizione.

Di testimonianze sul futuro che ci attende ce ne sono molte e Federico Cellina ne ha raccolte parecchie nel suo ebook  “Terra Cava. Nuova terra” nel quale il fenomeno dell’Ascensione è spiegato molto chiaramente e con dovizia di particolari.

Ci spiega Cellina nel suo testo:

L’Ascensione è un viaggio grandioso che gli Angeli sperano vorremmo e potremo fare in molti. Ma è un viaggio che si conclude non già lasciando la Terra, bensì rimanendo su di essa, su una Terra però purificata e trasformata in un pianeta di Luce, in un mondo di Quinta Dimensione.

Chi fa questo passo non va proprio da nessuna parte, come invece in genere si pensa: noi restiamo dove siamo, quindi sulla Terra. Non cambiano le leggi della fisica e la natura dell’Universo tutto attorno a noi non muta. E’ solo il panorama attorno a noi che cambia, sono le nostre preferenze che cambiano, cambia chi noi siamo, cambia la realtà dimensionale in cui opera il nostro DNA.

Cambia tutto così tanto che noi, portato a termine il processo di Ascensione, misureremo la nostra vita in un prima e in un dopo questa trasmutazione”.

Ci saranno pertanto due realtà olografiche che rappresentano il pianeta Terra su di una di esse saranno collocati i non ascesi che continueranno a vivere la Terza Dimensione senza accorgersi di nulla mentre sull’altra vi sarà chi, una volta asceso sperimenterà la bellezza di una vita senza tribolazioni in pieno possesso di tutte le facoltà divine che giacciono sepolte in noi.

Non ci sarà biasimo per coloro i quali rinvieranno l’incontro con l’Ascensione, nessuno li giudicherà, ma saranno amati e assistiti fino a quando decideranno di continuare il percorso evolutivo in Quinta Dimensione.

:-)

Ma come ci si prepara ad ascendere?

Se avessimo scelto la strada dell’Ascensione… cosa dovremmo fare?

Amando noi stessi pienamente come non abbiamo mai fatto. Rispettando la nostra natura divina.

Dice infatti Cellina, in un altro passaggio:

“Non è infatti possibile evolverci se non abbiamo capito che noi siamo Esseri Divini degni del massimo amore e rispetto, anzitutto e sopratutto da parte nostra, e che il motivo principe per cui ci siamo incarnati così tante volte, è stato, ed è tuttora, quello di portare a termine ogni volta un’ulteriore tappa del nostro viaggio spirituale.

Se non amo me stesso e non faccio di tutto per rispettar eil cammino che mi sono proposto per questa vita come posso infatti  far evolvere un qualcosa che io stesso non conosco e il cui valore non riconosco?”

Questo è il passaggio del libro che più mi piace perchè ci ricorda come possiamo essere leggeri, utili e traboccanti di amore per gli altri quando per noi stessi abbiamo rispetto, stima e fiducia in abbondanza.

Innammorati di te. Sii felice per come sei. Sii contento di stare con te e non mortificarti mai perchè sei Luce e faro, sei un Essere coraggiosissimo che ha deciso di intraprendere un viaggio impervio di cui tutto il Cosmo ti è grato.

Con amore.

Simona

:-)

Il potere della parola

patterns-in-ohm-yael-eylat-tanaka

Si parla tanto di Legge dell’attrazione e dell’importanza dei pensieri che creano la realtà.

Si consiglia in molti testi di scegliere accuratamente i pensieri e di essere consapevoli delle emozioni che da questi scaturiscono.

A ragione si dà importanza alla presa di coscienza di questi due importanti strumenti (pensieri ed emozioni) mediante i quali si costruisce il nostro quotidiano.

Ma se il pensiero è capace di costruire la realtà così come fa l’emozione ad esso associata, c’è un altro strumento altrettanto importante con cui consci o non, creiamo il nostro destino: la parola.

La parola è del resto pensiero fatto suono e la sua vibrazione è potente.

Tutta la nostra realtà del resto nasce da un suono, un suono primigenio, come sanno coloro che intonano l’AUM meditativo o chi conosce i sacri testi su cui è scritto:

In Principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio” (Gv, 1, 1-18).

Se le parola (sia scritta che parlata) ha una risonanza nel cosmo tanto forte, perchè allora non imparare a sceglierla con cura?.

Scrive Rinaldo Lampis in un testo che ho molto amato e dal titolo L’uso cosciente delle energie :

“La parola è un tipo di energia ancora più potente del pensiero, perchè è pensiero con in più l’energia del suono; è importante quindi prestare attenzione non solo ai pensieri che provengono dal nostro programma, dal nostro modo di pensare, ma anche al nostro modo di esprimerci (eliminando quelle parole e frasi fatte che usiamo automaticamente durante la giornata) fa sì che emaniamo un’energia debole, imprecisa o dannosa al nostro benessere mentale”.

In pratica come descriviamo a parole il Mondo così questo si presenta ai nostri occhi.

Se i pensieri sono la penna con cui scriviamo la nostra realtà intinta nell’inchiostro delle emozioni, la parola allora è il segno che  poniamo sul foglio bianco della nostra esistenza.

Attenzione allora alle parole, attenzione a tutte. Non lasciare che escano dalla tua bocca senza che tu sia consapevole delle conseguenze che esse possono scatenare.

Anche le parole creano karma, lo creano eccome, nel bene e nel male.

Prendiamo l’esempio di una parolaccia, una parola di disprezzo verso qualcosa o qualcuno.

La diciamo. La buttiamo lì in un discorso, credendola innocua, magari di cattivo gusto per alcuni, ma pur sempre innocua. E invece la brutta parola comincia il suo viaggio, risuona nell’universo ed espande il suo messaggio nel cosmo.

Ritornerà a noi prima o poi, in una forma o nell’altra.

La parolaccia è come una carta buttata in terra. Non è la fine del Mondo, ma a te cittadino o passante tornerà una città sporca.

Con questo non voglio incitare ad un linguggio bigotto, ma ecologico, pulito, consapevole e dettato unicamente dall’amorevolezza.

:-)

Si legge in La luce sul sentiero, un trattato sul percorso interiore la cui origine si perde nella notte dei tempi (la sua forma originaria era quella di un manoscritto di foglie di palma su cui erano redatti i preziosi aforismi, ciascuno dei quali può essere considerato una perla di saggezza dal valore universale e immortale):

Prima che la voce possa parlare in presenza dei Maestri, essa deve aver perduto il potere di ferire. Prima che l’anima possa stare alla presenza dei Maestri, i suoi piedi devono essere lavati nel sangue del cuore”.

Che le tue parole siano come la musica degli angeli.

:-)

Simona

PS

Nel prossimo post farò degli esempi concreti sui modi di dire più comuni e le frasi fatte che influenzano negativamente la nostra realtà.


Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI