Il potere della parola

patterns-in-ohm-yael-eylat-tanaka

Si parla tanto di Legge dell’attrazione e dell’importanza dei pensieri che creano la realtà.

Si consiglia in molti testi di scegliere accuratamente i pensieri e di essere consapevoli delle emozioni che da questi scaturiscono.

A ragione si dà importanza alla presa di coscienza di questi due importanti strumenti (pensieri ed emozioni) mediante i quali si costruisce il nostro quotidiano.

Ma se il pensiero è capace di costruire la realtà così come fa l’emozione ad esso associata, c’è un altro strumento altrettanto importante con cui consci o non, creiamo il nostro destino: la parola.

La parola è del resto pensiero fatto suono e la sua vibrazione è potente.

Tutta la nostra realtà del resto nasce da un suono, un suono primigenio, come sanno coloro che intonano l’AUM meditativo o chi conosce i sacri testi su cui è scritto:

In Principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio” (Gv, 1, 1-18).

Se le parola (sia scritta che parlata) ha una risonanza nel cosmo tanto forte, perchè allora non imparare a sceglierla con cura?.

Scrive Rinaldo Lampis in un testo che ho molto amato e dal titolo L’uso cosciente delle energie :

“La parola è un tipo di energia ancora più potente del pensiero, perchè è pensiero con in più l’energia del suono; è importante quindi prestare attenzione non solo ai pensieri che provengono dal nostro programma, dal nostro modo di pensare, ma anche al nostro modo di esprimerci (eliminando quelle parole e frasi fatte che usiamo automaticamente durante la giornata) fa sì che emaniamo un’energia debole, imprecisa o dannosa al nostro benessere mentale”.

In pratica come descriviamo a parole il Mondo così questo si presenta ai nostri occhi.

Se i pensieri sono la penna con cui scriviamo la nostra realtà intinta nell’inchiostro delle emozioni, la parola allora è il segno che  poniamo sul foglio bianco della nostra esistenza.

Attenzione allora alle parole, attenzione a tutte. Non lasciare che escano dalla tua bocca senza che tu sia consapevole delle conseguenze che esse possono scatenare.

Anche le parole creano karma, lo creano eccome, nel bene e nel male.

Prendiamo l’esempio di una parolaccia, una parola di disprezzo verso qualcosa o qualcuno.

La diciamo. La buttiamo lì in un discorso, credendola innocua, magari di cattivo gusto per alcuni, ma pur sempre innocua. E invece la brutta parola comincia il suo viaggio, risuona nell’universo ed espande il suo messaggio nel cosmo.

Ritornerà a noi prima o poi, in una forma o nell’altra.

La parolaccia è come una carta buttata in terra. Non è la fine del Mondo, ma a te cittadino o passante tornerà una città sporca.

Con questo non voglio incitare ad un linguggio bigotto, ma ecologico, pulito, consapevole e dettato unicamente dall’amorevolezza.

:-)

Si legge in La luce sul sentiero, un trattato sul percorso interiore la cui origine si perde nella notte dei tempi (la sua forma originaria era quella di un manoscritto di foglie di palma su cui erano redatti i preziosi aforismi, ciascuno dei quali può essere considerato una perla di saggezza dal valore universale e immortale):

Prima che la voce possa parlare in presenza dei Maestri, essa deve aver perduto il potere di ferire. Prima che l’anima possa stare alla presenza dei Maestri, i suoi piedi devono essere lavati nel sangue del cuore”.

Che le tue parole siano come la musica degli angeli.

:-)

Simona

PS

Nel prossimo post farò degli esempi concreti sui modi di dire più comuni e le frasi fatte che influenzano negativamente la nostra realtà.



Se vuoi approfondire:

38 Commenti a “Il potere della parola”

  • eligio:

    Grazie SIMONA,come sempre i tuoi post li trovo particolarmente gradevoli,sei forte,un forte abbraccio ai tuoi pensieri.

  • Grazie Eligio, ricambio l’abbraccio, buona giornata!
    ;-)

  • gerardo:

    RICORDATI DI RICORDARE E UNA FRASE CHE HO LETTO IN QUALCHE LIBRO CHE PENSO SI ADDICE A QUESTO TEMA A VOLTE CI SI DIMENTICA DI PAROLE DETTE AZIONI FATTE ETC……….. DIMENTICANDOSI SPESSO CHE TUTTO E CREAZIONE E ALLA FINE SI MANIFESTA ….BE IN QUESTO CASO GRAZIE PER AVERMI RICORDATO DI RICORDARE UN ABBRACCIO

  • Ciao Gerardo, felice che ti sia stato utile questo post memorandum!
    Buona giornata!
    ;-)

  • Ro9:

    E’ proprio vero tutto ciò che scrivi nel tuo post…
    Infatti “patisco” molto che mio figlio 15enne ascolti molto rap, con testi per la maggior parte infarciti di insulti e parole violente… ma non c’è verso,lui ama quella “musica”… spero che l’esempio che cerco di dargli, elimini un pò di quella negatività.
    GRAZIE, Simona, buon cammino… a tutti noi.. :)

  • catia:

    Dolcissima Simona
    che cose interessanti e vere hai scritto .
    E’ vero da quando il mio pensiero è positivo e quindi la mia parola lo è altrettanto la mia vita è cambiata . E’ ovvio che in alcuni momenti della vita purtroppo “ti scappa”…..cioè ti viene da perdere la pazienza ma poi ,almeno per quanto mi riguarda, cerco di mantenere il più possibile un auto controllo che mi allieti il cuore e ritorni ad uno stato di tranquillità.
    La parola ha veramente un potere assoluto in quanto basta che io dica “io sono piacente ” o “io posso farlo ci riuscirò” o ” io voglio questo siccome è un mio desiderio” ti infonde una tale vibrazione di ottimismo e coraggio che ti riempie il cuore .
    Sono sempre lieta ed incuriosita dei tuoi scritti
    un bacione
    CATIA

  • Piero:

    E’ proprio questo il male del nostro secolo.. non riflettiamo abbastanza prima di parlare siamo solo istinto ed impulso.

  • gioia:

    cara Simo come potrei non condividere quello che affermi nel tuo post? Nei sutra di Patanjali, un testo sublime, tra l’altro si afferma che facendo risuonare la Parola e riflettendo sul suo significato si trova la Via…….tre sono le voci,o suoni principali:-il linguaggio terreno ,per usarlo giustamente;-La Voce del Silenzio ,per udirla.E’ la Voce del Dio interno,il Cristo;-L’AUM,la Parola del Padre espressa mediante il figlio.Quando udita,mette in contatto con la Parola di Dio,incarnato nella natura.Noi,pur non volendo aspirare a queste vette sublimi,basterebbe che consapevolizzassimo che le parole sono energia pura ,animate dalle emozioni,dai pensieri e dagli intenti di chi le pronuncia e,quindi,possono ferire,portare conforto,o,addirittura guarire come facevano gli Esseni(con la voce lattea),e Gesu’ ne apprese gli insegnamenti.Dovremmo imparare ad escludere dal nostro vocabolario le parole che hanno un intento distruttivo,poco amorevole verso noi e gli altri:-si può,,,esercitando prima il controllo sul pensiero,”illuminare” sempre piu’ le nostre parole

  • Wow Gioia..grazie mille per la tua integrazione!
    Le tue parole (è il caso di dirlo) mi hanno scosso per la vibrazione amorevole che contenevano.

  • mauro:

    grazie simona il potere della parola e veramente una cosa da non sottovalutare

  • Ro9 cara,
    grazie per l’augurio di buon cammino a tutti noi.
    Se posso permettermi, non patire tuo figlio perchè usa un linguaggio scurrile, non è patendo che si ottengono le cose, anzi.
    Più ti dà fastidio una cosa (come sai) più quella torna con forza sotto i tuoi occhi.
    In un libro che sto leggendo (Transurfing di Macroedizioni) si consiglia di osserevare il tutto con distacco finanche i figli.
    Io pure a volte sono caduta e cado nel ruolo di maestrina come chi vuole addomesticare qualcuno, ma non è compito nostro. Per i figli è diverso, ma anche loro andrebbero visti con l’occhio dell’osservatore esterno. E’ difficile lo so, ma così gli dai vero amore, amore grande, amore disinteressato.
    Non ti accanire contro le parole volgari contenute nelle canzoni che ascolta tuo figlio, altrimenti sarà peggio.
    Lascia scorrere e guarda il fiume con animo quiete!
    Ciao!
    :-)

  • Ciao Piero, non credo che prima fosse diverso. Non credo che abbiamo perso in riflessività.
    Un abbraccio.
    Simona
    :-)
    Grazie per essere passato!

  • Catia, sottoscrivo la tua testimonianza!
    Sempre grazie cara!
    Ti abbraccio.
    Simona

  • Maria Teresa:

    Ciao Simona, desideravo lasciarti un messaggio anche qui. Grazie sempre, sei molto cara.
    un abbraccio
    mteresa

  • Prego Maria Teresa,
    un mega beso!
    Simo
    ;-)

  • Ciao Simona.
    Anche se ancora ci conosciamo poco, devo dirti che i tuoi post mi piacciono tantissimo.
    Da quando ci hai regalato la preghiera sugli Angeli Lunari, la leggo tutti i giorni e mi aiuta molto.
    Penso che sia proprio perchè sono parole che vibrano alto : )

    Tempo fa ho letto un libro che si chiama ” Parole per Wincere” di Florence Scovel Shinn, che ribadisce proprio questo concetto.

    Grazie di tutto.
    Un abbraccio

  • Myriel:

    Grazie del promemoria,Simona.Pur conoscendo benissimo
    le cose che scrivi,spesso me ne dimentico.Una parolaccia è fastidiosa come una boccata di fumo sparata sulla faccia,inoltre deturpa il corpo emozionale,mentale e fonatorio.Ogni tanto,a tutti,ne ’scappa’ qualcuna,perchè la virtù della pazienza stenta a prosperare nell’orto degli Umani…

  • Carissima Giuliana,
    grazie per il riferimento del libro. Proverò a cercarlo!
    Un abbraccio sincero.
    Simo

  • Myriel che bel nome che porti.
    Mi piacciono tanto le tue parole…
    :-) e sono io da doverti ringraziare.
    Buon Tutto.
    Simona

  • Anna:

    Cara Simona,
    il tuo invito a usare le parole come musica per gli Angeli, mi ha immediatamente ispirata e quindi questa volta più che un commento, per non ripetermi, ti lascio un canto…:)

    “Scegli le parole ad una ad una
    come fai coi fiori in un bel prato
    e spruzzale d’amore e gioia pura
    prima di lasciarle andare a caso…”

    Non ridere…ti vedo :)

    Un bacio
    Anna (Nelkhael)

  • Anna!!!
    bentornata!
    ;-)
    Ti abbraccio in un arcobaleno!
    Grazie per il canto!
    Non rido affatto, ma sorridi felice!
    ciaooooooooooooo!

  • catia:

    Carissima Simona
    ultimamente mi è successa una cosa che mi ha un poco sconvolto , a mia madre le è venuto un ictus e sfortunatamente è stata privata proprio della facoltà della parola .
    Soffro tantissimo nel vederla mentre fatica ad esprimere i bisogni primordiali anche se è sempre sotto controllo medico.
    Dimmi carissima , se non c’è la parola la potenza del pensiero è più forte o lo stesso?
    Ringrazio comunque Dio che è ancora viva e mi può vedere .
    Ringrazio anche tu che hai questo dono e mi puoi dare
    una risposta.
    CATIA

  • Catia,
    mi spiace molto per questo avvenimento.
    Ciò che è più forte di tutto nell’attrarre situazioni in linea con ciò che pensiamo sono le emozioni, indipendetemente dal fatto che ci sia o no la favella.
    Cara se ti va, scrivimi per e- mail.
    Ti abbraccio forte.
    Forza!
    Simona

  • Myriel:

    Coraggio Catia,meglio perdere la parola che la capacità di amare.Fra non molto riuscirai a comprendere i bisogni della tua mamma da uno sguardo,da un battito di ciglia,da un particolare corrugamento dei muscoli facciali…La parola è soltanto UNO degli strumenti di comunicazione di cui possiamo disporre.Non per nulla,nel mio ambito professionale,mi sono ritrovata ad esplorare le infinite possibilità della comunicazione non verbale(mimico-gestuale,grafico-pittorica,telepatica).Spesso le parole confondono,o vengono fraintese;i buoni pensieri e i buoni sentimenti troveranno sempre altre vie per manifestarsi.Gli Angeli Custodi vi aiuteranno
    ad affrontare questo momento,se richiederete il loro aiuto.Ancora un abbraccio per te.

  • catia:

    Myriel
    grazie mille per le tue dolci parole , anche se non ho modo di conoscerti mi hanno dato molto conforto
    mi aiutano ad affrontare giorno per giorno questo
    ostacolo che la vita mi sta dando.
    Spero tanto che il sentimento di mia mamma possa urlare il suo stato d’animo e l’amore che ha sempre provato per i suoi cari .
    GRAZIE VERAMENTE TANTO della passione che hai messo nelle tue parole .
    Catia

  • Cia Catia sei dolcissima,
    spero che tutto si aggiusti per il meglio.
    Ti abbraccio forte!
    :-)
    Simo

  • mauro:

    grazie per il lavoro di ricerca che fate

  • Prego Mauro,
    buona domenica!
    :-)
    Simona

  • E’ difficile che la musica sia negativa anche quando dice parolacce o parla di diavoli… Il male viene fatto con le parole quando si vuole comunicare qualcosa che si pensa di negativo, e non per comunicare uno slogan (almeno credo io).
    I pensieri nella testa negativi possono essere tanti poi sta a noi a razionalizzare e far uscire a parole solo cose utili!
    Con le parole si può far rimanere male una persona, con il pensiero no!
    Per quanto riguarda la musica sono solo slogan, o parlano del vissuto dell’artista niente di più.
    E non facciamo come le persone “per bene” che demonizzano certe musiche.
    Poi sta alla persona intelligente capire e leggere dentro il cuore suo e delle altre persone.
    Con questo un saluto a tutti.
    Davide.
    666 the number of the beast (spero di non turbare nessuno debole di cuore… by Iron Maiden….)

  • catia:

    Carissima Simona
    ho notato col tempo (esattamente due mesi di distanza) che mia mamma ha migliorato non solo a livello motorio ma anche fonico-verbale , cioè sforzandosi riesce ad unire il suono delle lettere per comporre una parolina (anche se pronunciata male , ma la cosa importante è la volontà )e non puoi immaginare la mia gioia nel sentirla , mi si apre proprio il cuore .
    Il potere della parola lo apprezzi quando ti viene a meno , in vece bisognerebbe apprezzarlo ogni giorno e ringraziare colui che ce l’ha data .
    Apprezzarla per me significa non storpiarla con volgarità molto diffuse nel giorno d’oggi purtroppo , ma sentire che ti esce dal cuore ed amare quello che dici anche per il bene altrui.
    Un saluto e un ringraziamento
    CATIA

  • Dai Forza Catia!! prega anche gli angeli custodi e vedrai che tua madre pian piano migliorerà! hai letto il libro the secret ? un uomo dopo 1 incidente rimase paralizzato TOTALMENTE : poteva solo pensare non muoveva un solo muscolo del suo corpo MA non si fece prendere dalla disperazione e con LA FORZA DI VOLONTA è riuscito a recuperare … ora è 1 oratore e gira l’america
    All the best , Namastè :-)

  • Ma che dolce che sei Edo in questo messaggio di supporto per Catia.
    Ma grazie di cuore!!!!
    Simona

  • catia:

    Grazie mille caro Edoardo
    ho letto con piacere le tue righe e devo ammettere che hai ragione , chiedo e ringrazio ogni giorno colui che mi tiene ancora in vita mia mamma e mi dona il suo sguardo e il suo ricordo di me .
    Certo parlo con i miei o il mio angelo custode accendendo una candela ed ascoltanto musica molto gradita in solitudine e in tranquillità , e noto che dopo sto veramente molto meglio.
    Certo che ho avuto una bella batosta ma uno ostacolo deve diventare un’opportunità che ti insegna ad affrontare la vita con le sue curve , ma rimane pur sempre il sentiero della mia esistenza.
    Un grosso grazie
    Catia

  • Catia auguro a te a alla tua famiglia che le cose vadano sempre meglio.
    Anche io utilizzo della musica rilassante e meditativa per centrarmi quando pare vogliano affacciarsi pensieri neri. E’ un ottimo metodo che ci allinea subito con quella vibrazione.
    Ti abbraccio.

  • Francesca:

    Che bel testo,Simona.Brava e GRAZIE!
    Io aggiungerei…il Potere della Parola della Preghiera (appunto per quanto ricordi tu stessa delle Sacre Scritture).
    Grazie e auguri di pace e felicità,
    Francesca

  • Ciao Francesca,
    :-)
    Ricambio gli auguri di felicitià e di pace.
    Un caro abbraccio.
    :-)
    Simona

Lascia un Commento

Spam Protection by WP-SpamFree

Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI