Vadim Zeland: Reality Transurfing vol. 3

transurfin2_03Ciao!

Oggi parliamo dell’ultimo libro della saga di Vadim ZelandReality Transurfing” e più precisamente del suo terzo volume “Avanti nel passato“.

In questo libro lo scrittore  Zeland finalmente ci spiega come muoverci nello spazio delle varianti (le linee della vita) attraverso degli esercizi energetici che qui andrò a riproporre.

Dopo tre libri e centinaia di pagine, il fisico russo ci suggerisce delle pratiche per rinforzare i nostri centri energetici disponendoci ad accogliere meglio le linee della vita a noi più congeniali.

Riuscire a sintetizzare il pensiero di Zeland è, come sempre, cosa non facile, perchè è probabilmente il più cervellotico tra gli autori che si occupano di risveglio della coscienza e sviluppo della consapevolezza.

Nonostante Zeland spieghi concetti complessi in modi altrettanto complessi, le sue riflessioni mi sono sempre sembrate giuste ed in sintonia con il mio modo di intendere le cose.

I concetti che a me risultano più cari riguardano l’importanza ed il fluire delle cose.

Zeland ritiene che è proprio l’importanza a generare malessere, malintesi e tensione. Al diminuire dell’importanza attribuita alle cose diminuirebbe anche la tensione ad essa associata con un miglioramento in termini di relax ed una maggiore capacità di attrarre ciò che desideriamo.

Il concetto di desiderio per Zeland andrebbe pertanto concepito come una ferma intenzione piuttosto che come un bisogno che, viceversa, indurrebbe a emanare frequenze di penuria e carenza.

Per ciò che riguarda il fluire delle cose, Zeland invece ci ricorda che per vivere armoniosamente dobbiamo riporre le armi della lotta, smettere di nuotare controcorrente e seguire morbidamente il flusso non come chi si lascia trascinare dagli eventi, ma come chi li gestisce con orchestrazione dall’alto o  partecipazione esteriore.

Danzare nel flusso è diverso che buttarsi come un pesce morto nella corrente…significa infatti ballare a ritmo della musica…se la musica cambia..noi cambiamo ritmo..ma è con essa che danziamo e non ci opponiamo al cambio di canzone (in analogia con il cambiamento di situazione che la vita comporta).

La metafora del danzare con la musica è mia e spero renda bene l’idea del muoversi nel flusso che intende Zeland.

Ora, i concetti di importanza, intenzione e flusso erano già stati esposti nei primi  due volumi e vengono ripresi nel terzo libro che chiude la saga: “Avanti nel passato“.

Ciò che c’è di nuovo in questo volume sono gli esercizi energetici di cui parlavo sopra e che aiuterebbero ad attivare i chakra.

Zeland ci ricorda dell’importanza di sentire il proprio corpo abituandoci ad affinare l’ascolto della sua presenza, così facendo attingiamo all’energia Universale che è illimitata e rigenerante.

Di seguito riporto le sue parole che descrivono un procedimento semplice per familiarizzare con la sensazione di presenza dell’energia intorno al corpo:

———————————————————————————————

Mettetevi in piedi, diritti come vi è più comodo e sciogliete le tensioni muscolari.

Fate un’inspirazione e immaginatevi che un flusso energetico fuoriesca dalla terra, penetri al vostro interno attraverso la zona del perineo, si muova lungo la colonna vertebrale, esca dalla terra e si disperda nel cielo. Poi espirate e immaginatevi che dall’alto del cielo discenda un flusso energetico che entra nella vostra testa, si muove lungo la colonna vertebrale e scompare nella terra”.

——————————————————————————————-

Mi piacciono molto questi esercizi perchè insegnano a radicarci nella terra nella materialità e, nello stesso, ad elevarci verso il cielo armonizzando le energie e creando uno stato di equilibrio tra la dimensione più fisica e quella eterica.

Di seguito riporto un’altro esercizio descritto da Zeland per fare ginnastica energetica ed aumentare il livello di rilassatezza e benessere:

——————————————————————————————–

“Focalizzate la vostra attenzione sulla superficie del corpo.

Potete immaginarvi quello che volete: che la pelle si riscaldi o che s’informicoli, o che venga scossa da delle cariche energetiche.

L’importante è che sentiate di avere la pelle. E adesso provate a sentire l’energia che si espande per tutta la superficie del corpo, come le striature iridescenti su una bolla di sapone.

In questo momento siete una parte dell’Universo e vi trovate in equilibrio con Esso.

Non dovete sforzarvi di raggiungere sensazioni particolari. Ognuno di noi sente a modo proprio. Non bisogna sforzarsi in nessun modo. Eseguite l’esercizio come “en passant”, tra una cosa e l’altra, ma con decisione.

Se riuscite a cogliere la sensazione integrale della superficie del vostro corpo aperta alle trasfusioni di energia, significa che avete raggiunto proprio quello che si dice uno stato di rilassamento, di equilibrio e di fusione con il mondo circostante.”

———————————————————————————————-

L’ultimo esercizio che riporto favorisce anche questo l’attivazione dei centri energetici e l’incremento della consapevolezza. Nel farlo è possibile sentire una sorta di “click“, di meccanismo che si attiva, segno che l’esercizio è stato ben fatto:

————————————————————————————————

Per la veloce messa in azione delle fontane energetiche si può ricorrere ad un metodo molto efficace. Immaginate che dal centro stesso del vostro corpo si dipartano due lancette orizzontali contrapposte: una è direzionata in avanti, l’altra all’indietro.

Le lancette fuoriescono dal corpo ad una distanza di venti-trenta centimetri o anche di più.

Ora mentalmente girate le lancette nello stesso tempo, l’anteriore in su e la posteriore in giù, in posizione verticale lungo la colonna vertebrale.

Sentirete subito che i canali energetici si sono chiaramente riattivati”.

———————————————————————————————–

Hai sentito il “click”?

Se sì, fammi sapere che tipo di sensazioni si sono diffuse lungo il corpo, lasciandomi un commento qui in basso .

:-)

Spero che questi esercizi di ginnastica energetica ti siano piaciuti e ti siano utili.

A presto.

Un abbraccio di luce!

:-)

Simona

Se vuoi approfondire:

22 Commenti a “Vadim Zeland: Reality Transurfing vol. 3”

  • Lucilla:

    Cara Simona ho letto da poco il post e ho voluto subito provare gli esercizi. Nei primi due la sensazione che ho provato è stato di un flusso/aria fresco/a ( in realtà nn so cm descriverlo ) che fluiva nel mio corpo, dv dire una sensazione molto particolare; il terzo esercizio nn mi è riuscito, i famosi “click” nn li ho sentiti :-( cmq nn demordo contnuerò a fare gli esercizi xk mi sembrano molto utili ma sopratutto sento che mi porteranno ad esperienze importanti. X qnt riguarda Zeland e il suo reality transurfing sarà sicuramente la mia prossima lettura :-) ;-). Con qst ti auguro un buon inizio di settimana , un abbraccio forte <3 Lucilla

  • Maria:

    Cara Simona, innanzitutto grazie, li ho graditi molto( faccio da tempo esercizi energetici)ed è stato bello per me provarne di nuovi. Primo esercizio ho sentito come un aria che girava intorno al mio corpo;Secondo esercizio percepivo un calore sul mio corpo in modo particolare il dorso delle mani; terzo esercizio è cambiata la mia postura: spalle dritte e petto in fuori, come se mi fossi messa sull’attenti. Spero di essere stata chiara, un Grazie ancora dal profondo del cuore, buona settimana.

  • massimo:

    Ciao Simona grazie del’ invito per provare questa sorta di ginnastica , ma se vuoi provare qualcosa di vermente energetico riguardo ad una ginnastica prova The Light of Life del maestro HOWARD LEE quella e’ veramente la ginnastica energetica per eccellenza.

    Grazie e buon lavoro.MAX

  • Luca:

    L’ho provato, il clip non l’ho sentito ma devo essere sincero mi sono rilassato, avevo mal di testa ed e’ diminuito… Grazie simo ciaooooooooooo

  • Ciao Lucilla,
    non preoccuparti se non hai sentito il “clic”..magari per ognuno c’è un segnale diverso!
    Zeland suggerisce di fare questi esercizi per ricaricarci di energia Universale la quale è infinita ed altra cosa rispetto alle nostre energie fisiche che accumuliamo con le calorie del cibo.
    Fammi sapere come proseguirai..e sarò felice di scrivere altri suggerimenti offerti da Zeland.
    Un abbraccio.
    Simo
    :-)

  • Chiarissima Maria. Nel primo esercizio sia te che Lucilla avete sperimentato questa sorta di “aria” di venticello fresco che si muoveva. E’ precisamente ciò che capita se due mani si avvicinano…è energia sana, pulita. O almeno così suggerisce chi pratica Reiki.
    :-)
    Ti abbraccio e ti auguro una buonissima giornata.
    Simona

  • Ciao Max ..lo proverò… grazie mille.Anche di esercizi che suggerisce E. Pearl in “The reconnection” non sono male!
    Un abbraccio.
    Simona
    :-)

  • Grande Luca!!!! L’obiettivo era quello di rilassarsi!
    Sono molto contenta che il mal di testa sia diminuito.
    Un abbraccio.
    Simona
    :-)

  • Aljaz:

    Io sento solo il click del mouse…. :-)

  • Aliaz..hihhihi..mi fai morire dal ridere.
    Ho visto il tuo ultimo video. Sei spassosissimo!
    :-)
    Simona

  • Gracy:

    Ciao Simona, sono felice di rileggere i tuoi interessanti post.
    Sono poco presente e non ho molto tempo da dedicare al rilassamento e alla meditazione. Comunque ho preso nota:)
    Un abbraccio*___*

  • Ciao Gracy,
    che piacere risentirti!
    :-)
    Spero che riuscirai cmq a ritagliare un po’ di tempo per te stessa e per il tuo benessere in questi giorni, nonostante i tuoi impegni.
    Ti auguro ogni bene come sempre!
    :-)
    Simona

  • loris:

    Ciao Simona,
    Ho letto con interesse il blook “Vadim Zeland”
    ho letto il primo libro “Come scivolare attraverso la realtà”
    piuttosto difficile da capire (per mè) ma sicuramente interessantissimo. Devo rileggerlo un paio di volte ancora per poi eventualmente acquistare il suo secondo libro”il fruscio delle stelle del mattino” che con piacere mi ai anticipato qualcosina, mi è sembrato interessante. Appena posso proverò di fare gli esercizi energetici.Faccio meditazione sui chakra insieme a degli amici insieme al maestro, perciò conosco questo campo energetico, la pulizia dei chakra ecc.
    Ciao LORIS

  • Ciao Loris, allora quando avrai finito gli altri libri di Zeland..ne parleremo insieme. Sai che ne sta preparando un quarto? Si chiama “Le mele cadono dal cielo” o un roba del genere.
    E’ una fortuna poter far meditazione con gli amici, tieniteli stretti!
    :-)
    Simona

  • cristna:

    Grazia cara…ho imparato questi esercizi frequentando anni fa un corso di meditazioni…sono efficaci.un abbracciomdiluce.

  • Ciao Cristina,
    grazie per la tua testimonianza!
    Un abbraccio di luce a te!
    Simona
    :-)

  • Cristina:

    E’ sempre una sorpresa ricevere le tue mail Simona. E’ sempre un regalo che regala pace e tranquillità. Presto farò questi esercizi e ti dirò com’è andata.
    Un abbraccio di luce per te e per tutti noi.
    Cristina

  • Cristina, per me è una sopresa ed un piacere ogni volta leggervi!
    :-)
    Grazie ..Grazie!
    Aspetto la tua testimonianza allora!
    Un beso!
    Simona

  • Matt:

    SCUSATE, QUALCUNO CONOSCE O SAPREBBE TROVARE IL MODO PER CONTATTARE DIRETTAMENTE VIA INTERNET, VADIM ZELAND?..

  • Ciao Matt, nessuno lo sa, è molto riservato Zeland. Prova a contattare Macroedizioni e vedi se possono darti un mnao.
    In bocca al lupo.
    Simona

  • Matt:

    Grazie Simo, sei sempre molto gentile con tutti..

Lascia un Commento

Spam Protection by WP-SpamFree

Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI