Oltre il giudizio

giudizio

“Molti sensitivi hanno stabilito contatti con le “anime” dei defunti che stanno ancora fluttando in un limbo di loro creazione, in attesa del giudizio di Dio: la loro psiche è programmata al punto tale che essi credono che ciò accadrà. Se queste anime confuse sono in ascolto, ho delle belle notizie per loro. Il prete vi ha raccontato un una frottola. Dio non verrà a giudicarvi, gente. Dio non giudica nessuno.

L’amore puro (la Sorgente) non prevede il giudizio. Egli/Ella prevede solo l’amore. Perciò trovate quel tunnel e uscite di qui!”

Così parlava David Icke a proposito del giudizio in uno dei suoi più famosi testi:  Io sono me stesso, io sono libero.

In un altro libro (precedentemente citato) Gesù spiega che:

Dio non è un giudice o un re che può imporre la sua Presenza su di voi o portarvi di fronte al tribunale della giustizia. Dio è un amorevole Padre- Madre che tutto dà e che quando vi avvicinate allarga le braccia e vi stringe ad esse“.

(tratto da Vita e Insegnamenti dei maestri del lontano Oriente).

L’ equivoco del Giudizio Finale nato dall”idea secondo cui c’è un Dio da qualche parte che ammonisce il nostro operato, ha creato sensi di colpa, paranoie e senso di indegnità diffuso.

Ha  inoltre prodotto l’idea secondo cui siamo sempre sotto il vaglio del giudizio divino o altrui in una sorta di test continuo dove è importante scegliere l’azione o la parola giusta al momento giusto.

Nessuno al catechismo, in famiglia e nella vita di tutti i giorni ci ha insegnato che la cosa giusta da fare è quella che stiamo già compiendo semplicemente perchè non esiste “una cosa giusta” così come non esiste “una cosa sbagliata“.

E’ molto difficile per noi comprendere questo concetto perchè viviamo in una realtà duale dove una cosa si contrappone all’altra, e dove una cosa è vera perchè il suo contrario ne afferma l’evidenza.

Superare il giudizio ed andare oltre la cortina delle catagorie giusto/sbagliato è un traguardo meraviglioso da raggiungere.

Questo traguardo ci libera dalla necessità di sentirci sempre impeccabili e dal controllo ossessivo di tutto e di tutti.

Sai che chi più si sente vittima delle critiche altrui spesso ha la consuetudine egli stesso di giudicare ogni cosa etichettandola in categorie come buona/cattiva?

Chi si è librato oltre il giudizio, non soffre se l’altro è diverso, non è infastidito da comportamenti differenti dal proprio, non si sente perennemente come un imputato in tribunale, in una parola vive e lascia vivere.

Chi ha sospeso il giudizio non è vittima di quella vocina interiore che ti sgrida continuamente, bollandoti di volta in volta come “incapace“, “buono a nulla“; “scemo“, “incompetente“, “non all’altezza” e chi più ne ha più ne metta.

Chi lascia il giudizio si irrita difficilmente poichè rispetta la molteplicità del Creato e questa a lui risponde con situazioni di armonia e completezza.

Allora come fare a non giudicare?

Sentendosi parte dell’Uno, del Tutto, delle infinite possibilità dell’Essere; abbracciando e amando ogni situazione perchè è perfetta così come è, così come sei perfetto te e tutti gli altri che sono intorno a te, note della stessa melodia dell’Infinito.

Abbandonare il giudizio è una meta raggiungibile, ed è ancora più facile da raggiungere se il selciato è stato gia battuto da qualcuno.

Due miei amici ed anime pure, Viviana e Leonardo hanno creato un percorso per liberarsi dal giudizio.

Credo molto nel loro progetto poichè credo nei loro intenti, so come lavorano e so l’amore che infondono in ogni attività nella quale sono impegnati.

;-)

Il programma che i miei amici propongono è un iter multimediale chiamato “Nudo Giudizio” comprensivo di file audio e scritti.

Inoltre al sito indicato qui puoi scaricare gratuitamente l’ebook NO GOSSIP

Abbasso le chiacchiere. Evviva l’Amore. dove scoprirai tutte le insidie nascoste nei pettegolezzi e nelle critiche.

Ti lascio alle loro mani competenti, consapevole che ti troverai bene.

PS

Grazie per avermi seguito sin qui. VVMB

PS2

Per ulteriori approfondomenti sul tema del “giudizio” Josè

di RicchezzaVera.com ha scritto un lungo e ricco post dal titolo “Sospensione del giudizio“.

Ciao!!!

Simona

Se vuoi approfondire:

18 Commenti a “Oltre il giudizio”

  • madu:

    thanks a lot for this message, I find your work precious!!!

    Love

    Madu

  • Marco:

    Ciao Simona,
    leggo con grandissimo interesse le mail che mi mandi, soprattutto quelle riguardanti il 2012.
    Credo che il tuo lavoro sia molto importante e permette a tutti noi di guardare le cose da un altro punto di vista. Credo anche che ci servirà moltissimo per crescere e affrontare i prossimi anni nel modo giusto.
    Ti ringrazio e a presto.
    Marco

  • Emanuele:

    Ciao Simona questo post mi capita proprio a fagiolo, infatti anche io mi sento sempre sotto
    il peso del giudizio della gente,e´uguale quello che faccio hanno sempre da ridire o da criticare non si accontentano mai,comunque grazie per quello che fai un abbraccio.

  • Caro Marco,
    mi rincuora sapere di portare un po’ di pace in questi anni di grande cambiamento e crescita, ma anche di trambusto!
    Il mio obiettivo è quello di concentrarmi sulle cose buone, sul positivo che la vita ha da offrirci con un occhio al presente ed il cuore placido.
    Ti abbraccio e sono io a ringraziarti.
    :-)

  • Carissimo Emanuele,
    se posso permettermi di suggerirti di avere un atteggiamento amorevole per te stesso e per gli altri; di donarti al perdono tuo e degli altri in completo abbandono, consapevole della perfezione che ciascuno emana.
    Un beso.
    Simona

  • davide:

    Bello questo post,concordo con tutto,anzi col “tutto”,anche se le persone sono spesso dietro a giudicare,in quei casi ascolto senza commentare altrimenti entri nel vortice del giudizio e a volte ci entri inconsapevolmente,
    Ciao e grazie del post!

  • mimì:

    ciao Simona….si, è tutto vero quello che scrivi, ma non altrettanto facile da mettere in pratica, visto che spesso siamo i primi noi a giudicare male le persone che hanno una chiusura mentale tale da non accettare certe verità…..E’ quasi inevitabile che ti nasca quel sentimento (…giudizio?) di distaccamento e disapprovazione nei confronti di chi, a causa dell’ignoranza, continua a creare problemi al prossimo…E’ la cosa grave è che spesso questo brutto lavoro ( e cioè quello di educare al pregiudizio) lo facciamo proprio con i nostri figli….Non è facile in questa società odierna, ma forse non lo è mai stato….Grazie comunque per i tuoi bei messaggi positivi! Almeno durante la lettura, si ci crea una piccola illusione….meglio di niente!!!!!Baci!:-)

  • Hai detto bene Mimì,
    non è affatto facile abbandonare il giudizio, ma non un’operazione impossibile.
    Ci sono così tanti vantaggi nel “lasciara andare”…se lo fai l’Universo ti ripaga davvero con una calma infinita.
    Abbandonare il giudizio infine non significa subire tutto passivamente, ma liberarsi dal groppone di sentimenti spiacevoli di separazioen dal Tutto.
    Un bacio

  • Grazie a te Davide,
    buon fine settimana!
    Simona

  • Grazie infinite Simona per questo bellissimo post!!! Lo trovo davvero grandioso e capita proprio in un momento in cui non sono io ma persone a me care che si creano queste angosce e paure di essere giudicati, classificati ecc.ecc..
    Veramente indovinato come post!!!
    Dietro il tuo consenso….potrei postarlo nel mio blog? Chiaramente scrivendone i riferimenti a te! Se ciò non è possibile non mporta, sono contenta comunque! Graze ancora cara Simona!!!Non sono tanto presente….ma quando ci sono…ci sono!!!
    Brava e complimenti!!!!
    Un abbraccio!!!

  • Certo che puoi Patrizia,
    è un piacere per me!
    Pubblicizza qui il link al tuo blog, di modo che gli altri che passeranno potranno vederlo!
    Un abbraccio!

  • Grazie cara Simona!!!
    Sai….sto imparando…penso sempre positivo!!! Il 13 Ottobre subirò un intervento, ma sono sempre positiva!!!
    Un bacio!!!

  • Patrizia, ti penserò il 13 ottobre, coraggio! spero non sia niente di grave!
    Scrivimi quando vuoi, è un piacere accoglierti qui.
    :-)

  • sabina:

    Grazie cara Simona!
    Sono è da poco che leggo in questo sito ma già mi piace molto,non so se riuscirò sempre a rispondere ma tutto quello che sto leggendo mi è di grande aiuto. GRAZIE!

  • Sabina, che gioia sapere che queste letture ti sono d’aiuto.
    Non preoccuparti se non riesci a rispondermi sempre.
    Fa nulla! Ci sei!
    :-)
    Ti abbraccio!

  • Ciao a tutti :-)

    Io volevo testimonarvi la mia esperienza diretta.
    Ho avuto l’onore di ricevere oltre 400 Contatti con gli Angeli, e di almeno un centinaio (e forse oltre) di Entità conosciute… e NESSUNA MAI ci ha detto o portato l’energia del Giudizio! ;-)

    Un abbraccio dal cuore,
    Simone.

  • Anna:

    La libertà dal giudizio credo sia una delle grandi sfide per ognuno di noi…
    Io credo di essermi lasciata alle spalle la favola del Giudizio Divino perchè sento e so che Dio è solo Amore ma sono ancora troppo critica con me stessa per esserne lontana o guarita…e non c’è libertà vera finchè non si è superata questa soglia.
    Il lavoro però continua e prima o poi vincerò! :)

    Un abbraccio
    Anna

  • Anna, ma se te hai qualcosa da rimproverarti allora tutti possono avere qualcosa da biasimare a se stessi.
    Come fai angelo santo a criticarti, tu..proprio tu?
    Con affetto.
    Simona

Lascia un Commento

Spam Protection by WP-SpamFree

Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI