Archivio di maggio 2010

Il senso di meritevolezza e la Legge di Attrazione

meritevolezza

Scrivo questo post per tutti coloro ai quali non sempre riesce di padroneggiare la nota Legge di Attrazione.

Un piccolo suggerimento per far lavorare la LOA (Law of Attraction in inglese) a proprio vantaggio  consiste nell’innalzare la soglia della meritevolezza ovvero sentirsi adeguati rispetto agli obiettivi sognati.

Il brano che segue è tratto dal mio ebook “Dipingi la tua vita con Legge

dell’ Attrazione” e tratta esplicitamente del concetto di Merito, una chiave formidabile che apre molte porte (se non lo si confonde con la presunzione).

Condizione essenziale per far lavorare la LOA a nostro favore è aumentare il senso di meritevolezza.

Sentirsi meritevoli di ottenere ciò che più desideriamo è un passo obbligato per raggiungere gli obiettivi preposti.

Non si spenderanno mai abbastanza parole sull’importanza del concetto di “merito” e di “adeguatezza”.

Sentiti all’altezza di perseguire i tuoi scopi.

Senti davvero che puoi ottenere tutta la felicità che desideri, perché la meriti.

Sei perfetto e amabile ed ogni tuo singolo capello è degno di essere amato.

Non c’è niente che non vada in te.

L’universo non attende altro momento che l’attimo in cui ti ricoprirà dei suoi doni.

L’universo ha un atteggiamento benevolo nei tuoi confronti e non vede l’ora di prodigarsi per regalarti il meglio.

Ogni cosa posta dinanzi a te è a tuo servizio.

La Natura collabora alla tua felicità.

Il cielo che ti copre la testa ed il profumo dei fiori sono stati posti lì per te.

Non c’è nessun motivo per cui tu non possa godere di ogni situazione, poiché anche la più apparentemente nefasta conserva il suo lato prezioso.

L’unica cosa che può complottare contro il tuo benessere risiede nel tuo percepirti inadeguato.

Ma in realtà non c’è alcun motivo per sentirsi immeritevole di un successo.

Ogni congettura contro il senso di meritevolezza, in realtà è stata costruita e come tale può essere rimossa.

(stralcio tratto daDipingi la tua vita con La Legge dell’ Attrazione“)

Ogni giorno imparo un pò di più come l’amore ed il rispetto per se stessi siano una medicina insostituibile per lenire tanti dolori e guarire dal senso di manchevolezza.

Con amore

Simona

:-)

<3 <3 <3

L’arte di far accadere le cose

leggero

Sai chi sei veramente?

Sei un Dio che ha dimenticato di esserlo. Sei pura divinità che cammina, ma che ha perduto il ricordo della sua essenza più profonda.

La storia su come abbiamo dimenticato della nostra regalità divina è descritta da Mike Dooley (uno dei tanti autori di “The Secret“) nell’introduzione del suo libro “L’arte di far accadere le cose” di cui riporto la genesi dell’umanità.

Non molto tempo fa, nelle distese sotto l’Infinito si formò un consiglio di impavidi esploratori - soldati di ventura molto simili a voi – che avevano preso a noia la perfezione, l’immensità e la beatitudine senza limiti.

Potevano possedere qualsiasi cosa volessere possedere. Potevano cambiare qualsiasi cosa volessero cambiare.  Potevano diventare qualasiasi cosa volessero essere.

La loro esistenza era diventata così insopportabilmente monotona che ormai facevano fatica a sentirsi i grandi Avventurieri che erano. Non erano abbastanza, convennero tutti: bisognava fare qualcosa. Quindi, essendo quelli che erano, decisero di inventare per la loro realtà una dimensione nuova“.

(…)

Così…”cominciarono ad esplorare le infinite possibilità che improvvisamente si aprivano davanti a loro” arricchendo il loro gioco di nuove sfide ed opportunità.

Inventarono ad esempio LO SPAZIO, giacchè prima erano in tutti i luoghi contemporanamente ed inventarono LA MATERIA.

Ogni pensiero e desiderio prendeva così una forma e la materia cominciò a riempire lo spazio fisico.

Per rendere ancora più stimolante l’esperienza allora gli Avventurieri si nascosero nella Materia e cominciarono a riferirsi a se stessi, da quel momento, come UMANI.

Questo portò alla necessità di ritrovarsi l’un l’altro nella materia esistente; fu così che finalmente si creò IL TEMPO.”

Gli Avventurieri trascorsero così tanto tempo a giocare ed esplorare le nuove possibilità della creazione che dimenticarono di essere essi stessi delle proprie creazioni e dimenticarono finanche di essere dappertutto, infiniti ed immortali.

“Man mano che il tempo passava, caddero in una trance sempre più profonda che cominciarono a sentirsi intrappolati nei loro corpi, privi di ogni potere all’interno delle loro creazioni.

Non si rendevano più nemmeno conto che erano loro stessi, con i loro pensieri a creare gli oggetti e gli eventi della loro vita e, sebbene rispetto a prima nulla fosse cambiato, iniziarono a considerare quegli oggetti ed eventi come qualcosa da combattere.”

Scaturirono così una molteplicità di emozioni, alcune piacevoli ed entusiasmanti, altre angoscianti e destabilizzanti come LA PAURA.

Dopo un pò scoprirono poi che queste emozioni erano tutte utili per la propria evoluzione e per sperimentare nuove forme di sentire.

Alcuni di essi si risvegliarono dal torpore e continuarono a partecipare al gioco cosmico dell’esistenza con un grado di consapevolezza maggiore ed un maggiore divertimento.

Altri cominciarono a ricordare che “solo smarrendo se stessi e diventando schiavi delle loro illusioni quegli Avventurieri hanno potuto essere condotti emotivamente – grazie ai loro ardenti desideri – a riconoscere e rivendicare la loro profonda divinità.”

Questa storia, narrata da Mike Dooley e da me elaborata e riassunta qui, non è solo una favola, ma ha più analogie con il vero di quanto si possa immaginare.

L’origine del motto, ormai noto in ambito di legge di attrazione secondo cui “I pensieri diventano cose” è da ricercarsi nella nostra genealogia divina e nelle nostre dormienti facoltà di operare sulla realtà.

Qualunque cosa tu stia facendo non dimenticare la parte divina che in te dimora, benedicila e rispettala così come faresti con la divinità che alberga negli altri individui.

Che le tue presenti e future creazioni siano consapevoli ed animate da uno spirito gioioso e gaio.

Che i tuoi pensieri più raggianti possano allinearsi con ciò che il tuo cuore desidera.

<3 <3 <3

Namastè

Simona


Scarica ora GRATUITAMENTE il report:
"Perchè non ha senso temere la data 2012"



Inserisci qui in basso il tuo nome e l'e-mail su cui desideri ricevere il report OMAGGIO

NB: iscrivendoti riceverai immediatamente il report e successivamente altri omaggi, inoltre sarai avvertito di tutte le novità legate a questo sito (in ogni email sarà presente un link per cancellarsi e non ricevere più notifiche, quindi massima libertà). I dati non saranno mai ceduti a terzi. Inserendo i propri dati si accettano automaticamente queste condizioni. Inserendo il nome e l'email nel form si dichiara anche di aver letto ed accettato interamente l'informativa sulla privacy.
Come diventare una Dea
Tre passi per essere divina

di Simona Vitale



L'intento dell'ebook non è soltanto quello di andare a recuperare una memoria mitica perduta ed in parte rimossa, ma anche quello di fornire le tre chiavi per vivere appieno la femminilità: consapevolezza, creatività ed autorità interiore, nonché di contribuire alla diffusione di una forma pensiero egualitaria, di sostanziale pace tra i sessi e di valorizzazione delle specificità di genere.

Clicca qui per acquistarlo a 5,90 euro

DONNE ED AUTOSTIMA
ANSIA? NO PROBLEM
Ad
IMPARA A DIRE NO
Ad
CAVALCA LA FORTUNA
Ad
LA SOLUZIONE ALL’INSONNIA
TOP E-BOOK

Ebook
LE 7 DEE E GLI 8 DEI DENTRO DI TE
LE 7 DEE E GLI 8 DEI